Baffelan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Baffelàn
Sengio Alto.jpg
Vista della Catena del Sengio Alto; il monte Baffelàn è il primo sulla sinistra
StatoItalia Italia
RegioneVeneto Veneto
ProvinciaVicenza Vicenza
Altezza1 793 m s.l.m.
CatenaAlpi
Coordinate45°44′13.8″N 11°10′40.73″E / 45.737168°N 11.177981°E45.737168; 11.177981Coordinate: 45°44′13.8″N 11°10′40.73″E / 45.737168°N 11.177981°E45.737168; 11.177981
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Baffelàn
Baffelàn
Mappa di localizzazione: Alpi
Baffelan
Dati SOIUSA
Grande ParteAlpi Orientali
Grande SettoreAlpi Sud-orientali
SezionePrealpi venete
SottosezionePrealpi vicentine
SupergruppoPiccole Dolomiti
GruppoCatena del Sengio Alto
SottogruppoSengio Alto
CodiceII/C-32.I-B.5.a

Il Baffelàn è una montagna delle Alpi alta 1793 m. Appartiene alla Catena del Sengio Alto, nelle Piccole Dolomiti.

Conformazione[modifica | modifica wikitesto]

Il Baffelàn è una delle più caratteristiche cime delle Piccole Dolomiti. È composta prevalentemente da Dolomia principale, e vista da sud mostra un profilo ben evidente a triangolo acuto. La parete orientale, quella più adatta a salite alpinistiche, è alta 300 m. È considerata l'icona di tutti gli alpinisti vicentini.

Alpinismo[modifica | modifica wikitesto]

Le principali vie alpinistiche sono:

  • Via Bentornato: Via alpinistica ben protetta, aperta nel 2007 da Silvio Scandolara e Arturo Franco Castagna, sulla parete Nord a destra della Via Verona. Sviluppo: 220 m; difficoltà: IV/V/VI.
  • Via Verona: Via alpinistica, classica di medio-bassa difficoltà, che si sviluppa sulla parete Nord del Baffelàn, aperta da Padovan, Rossi e Bortolan nel 1927. Sale un sistema di camini molto evidente per arrivare in cima al pilastro dove si congiunge alla via Soldà e uscendo poi per un camino. Sviluppo 170 m; difficoltà: III/III+ e pp IV. Attacco delicato V.
  • Via Vicenza: Via che si sviluppa sulla parete nord del Baffelàn, a sinistra e parallela alla via Verona che incrocia a circa metà altezza per poi deviare verso lo spigolo nord-ovest. Sviluppo: 170 m; difficoltà: III/III+ e pp IV.
  • Via Dei Montecchiani Ribelli: Via di alta difficoltà aperta dal basso in stile tradizionale da Alberto Peruffo e Leonardo Meggiolaro nel luglio del 2015, nel centro della parete Nord. La prima parte sale le placche a destra della Via Thiene, superando direttamente l'evidente strapiombo bombato, proseguendo quindi diretti tra le vie Vicenza e Verona. Sviluppo: 165 m; difficoltà VI+, 1 passo di VIII- e alcuni di VII (VI+ obbl.).
  • Via Thiene: Via che vince direttamente il levigato pilastro nord del Baffelàn, aperta nel 1954 da Zaltron, Finozzi e Dalle Carbonare. Sviluppo: 170 m; difficoltà IV/V, 1 passo di VI- ed un tratto di VII-.
  • Via Soldà: classicissima e ripetuta Via lungo il pilastro nord del Baffelàn che supera per paretine e fessure sul lato sinistro; aperta da Gino e Aldo Soldà con Franco Bertoldi nel 1928. L'itinerario odierno è frutto di varianti trovate nelle ripetizioni: l'attacco lungo il canale basale e poi per cengia è stato aperto da Colbertaldo e Suppi nel 1932. Sviluppo 250 m; difficoltà: III/IV/IV+ ed 1 passo di V-.
  • Via Superbaffelàn: bell'itinerario sportivo. Aperto nel 1986 da Ceccato, Cailotto e Bevilacqua. Sviluppo: 270 m; difficoltà: VI/VII. Protetta integralmente a spit.
  • Via Tranquillo e Placido: altra Via ancora più diretta allo spigolo, che raddrizza parte della linea trovata nel 1937 da Gino ed Italo Soldà lungo lo spigolo est nord-est. Molto vicina a Superbaffelàn, attrezzata nel 1995 da Tranquillo e Placido Balasso. Sviluppo: 280 m; difficoltà: VI+ molto sostenuto e passi di VII. Protetta con spit artigianali.
  • Via Carlesso: Via logica, diretta e varia alla parete est del Baffelàn con l'inizio in comune alla Berti-Carugati, abbastanza vicina alla Tranquillo e Placido; essa è una grande classica del Baffelàn e delle Piccole Dolomiti. Sviluppo: 290 m; difficoltà: IV/V ed 1 passo di V+.
  • Via Alpinismo Radicale: Via estrema aperta dal basso in stile tradizionale da Alberto Peruffo e Alberto Urbani in tre tentativi nel 1999. Sale dalla base della parete direttamente alla vetta, restando sempre alla sinistra della Carlesso con chiodi normali anche alle soste. Sviluppo: 340 m; difficoltà: VI e VII grado continue, con il tiro più difficile di VII+ con un tratto di VIII- obbligatori su roccia delicata e 3 metri finali di A1. Non si hanno notizie certe di ripetizioni integrali e a seguito di alcuni tentativi non riusciti è considerata una delle più difficili e pericolose vie alpinistiche delle Piccole Dolomiti.
  • Via Berti-Carugati: il primo itinerario aperto sulla parete est del Baffelàn nel 1908 dal grande pioniere delle Dolomiti Antonio Berti, essa segue i punti più vulnerabili della parete. Sviluppo: 335 m; difficoltà: III/III+ e passi di IV.
  • Via del Piacere: Via alpinistica ben protetta, su ottima roccia ad esclusione degli ultimi due tiri, aperta nel 1993 da Giuseppe Dal Forno e Arturo Franco Castagna, sulla parete est a sinistra della Berti-Carugati. Segue una logica sequenza di camini e spigoli. Sviluppo: 350 m; difficoltà: V/VI.
  • Via Ceneri nel Vento: Via sportiva. Linea molto diretta che vince la parete est del Baffelàn nel punto di maggior dislivello, sul tetto ricalca una vecchia via aperta da M. Marchetto e Nevio Soldà nel 1970. Aperta nel 1995. Sviluppo: 380 m; difficoltà IV/V di media, VI all'inizio ed A1 il tetto (o VIII+).
  • Via I Segreti del Baffelàn: Via alpinistica ben protetta aperta nel 2004 da Mario Brighente e Arturo Franco Castagna, sulla parete Est del Baffelàn. Attacca nel punto più basso della parete est, a sinistra della Via Ceneri nel Vento, mantenendosi nella parte alta a sinistra della Via del Piacere. L'uscita è in comune alla Via Casara. Sviluppo 400 metri; difficoltà IV+/V/V+.
  • Spigolo Casara: Via aperta nel 1926 da Severino Casara, R. Maltini, G. Cabianca e G. Priarolo, lungo l'affilata lama dello spigolo sud-est. Sviluppo: 400 m; difficoltà: IV.

Sci[modifica | modifica wikitesto]

Il Baffelan al centro di questa fotografia, tra Cima Carega e il Monte Cornetto

Su questa montagna non è praticabile né sci alpinosci alpinismo, a causa delle pareti troppo rocciose e ripide. Nel versante settentrionale, meno scosceso, la discesa è invece impedita dalla presenza di una fitta vegetazione.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Guido Casarotto, Arrampicate scelte nelle Piccole Dolomiti e nel Pasubio, VR, Cierre Edizioni, 2005.
  • Arturo Franco Castagna, A un passo dal cielo, Montecchio Maggiore, VI, Antersass, 2009.
  • Gianni Pieropan Piccole Dolomiti Pasubio, 1978, Milano, CAI TCI.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • [1] - Portale delle Piccole Dolomiti