Attilio Colonnello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Attilio Colonnello nel 1957

Attilio Colonnello (Milano, 9 novembre 1930) è un pittore e scenografo italiano, attivo nel settore dell'opera.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Colonnello studia architettura al Politecnico di Milano sotto la guida di Gio Ponti, Ernesto Rogers e Giulio Minoletti.[1]

In giovane età, Colonnello si interessò all'arte grazie ai suoi rapporti con colleghi intellettuali come il pittore Filippo de Pisis e lo scrittore Giovanni Comisso.[1]

Nella sua fase giovanile si dedica all'arredamento, collaborando con varie riviste di architettura, e firma numerosi articoli di critica scenografica con quotidiani nazionali.[2]

Nel 1955 Colonnello progettò la residenza Rota a Milano, che si caratterizzò per un ambiente geometrico elegante, moderno, per i contorni aerodinamici, per il forte impatto visivo, adatto ad ospitare una collezione d'arte.[1]

La sua carriera di scenografo si avvia nel 1956 con La traviata rappresentata al Maggio Musicale Fiorentino e prosegue l'anno seguente con la cura delle scene e dei costumi del Mefistofele di Arrigo Boito rappresentato alla Scala per la regia di Pavlova.[2]

Sempre nello stesso anno collabora per L'Orfeo di Claudio Monteverdi e nel 1958 per Francesca da Rimini allestita alla Scala.

Nel 1961 lavora per Il mercante di Venezia di Castelnuovo Tedesco e per La donna del lago al Maggio Musicale Fiorentino.

Le sue collaborazioni non si limitano a produzioni in Italia, ma già nel 1962 debutta sul suolo statunitense, al Dallas Civic Opera con la produzione dell'Otello di Giuseppe Verdi.[2] Due anni dopo lavora per la prima volta al Metropolitan Opera per la Lucia di Lammermoor, dove ritornerà più volte per allestimenti di opere fra le quali Luisa Miller (1968) e Il trovatore (1969).[3]

Dal 1962 Colonnello lavora frequentemente come direttore di scena al Teatro di San Carlo di Napoli, per il quale realizza Il barone avaro, Sansone e Dalila (1970), Carmen (1975).

Colonnello ha allestito vari spettacoli all'Arena di Verona, cominciando dal Nabucco nel 1962, continuando nel 1964 con la direzione della Cavalleria rusticana e de La bohème. Sempre a Verona lavora alla produzione del Mefistofele per la regia di Herbert Graf, al Rigoletto (1966), a La forza del destino (1967), all'Aida (1968) e a Un ballo in maschera (1972).[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Attilio Colonnello and the Casa Rota, su artsy.net. URL consultato il 7 luglio 2018.
  2. ^ a b c d le muse, III, Novara, De Agostini, 1964, p. 366.
  3. ^ Attilio Colonnello. Scenografia e costumi dal 1956 al 1993, su libroco.it. URL consultato il 7 luglio 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Attilio Colonnello, su attiliocolonnello.altervista.org.

Controllo di autoritàVIAF (EN26833316 · ISNI (EN0000 0000 4861 4299 · LCCN (ENno2007008071 · WorldCat Identities (ENno2007-008071
Pittura Portale Pittura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pittura