Atletica leggera ai Giochi della II Olimpiade - 1500 metri piani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bandiera olimpica Athletics pictogram.svg
1500 metri piani
Parigi 1900
Parigi 1900 1500 metri.jpg
Bennett taglia per primo il traguardo.
Informazioni generali
Luogo Croix-Catelan (nel Bois de Boulogne) a Parigi
Periodo 15 luglio
Partecipanti 9 da 6 nazioni
Podio
Medaglia d'oro Charles Bennett Regno Unito Regno Unito
Medaglia d'argento Henri Deloge Francia Francia
Medaglia di bronzo John Bray Stati Uniti Stati Uniti
Edizione precedente e successiva
Atene 1896 Saint Louis 1904
Atletica leggera ai
Giochi di Parigi 1900
Athletics pictogram.svg
Corse piane
60 metri   uomini  
100 metri uomini
200 metri uomini
400 metri uomini
800 metri uomini
1500 metri uomini
Corse ad ostacoli
110 m ostacoli uomini
200 m ostacoli uomini
400 m ostacoli uomini
Corse con le siepi
2500 m siepi uomini
4000 m siepi uomini
Gare a squadre
5000 m a squadre uomini
Prove su strada
Maratona uomini
Concorsi
Salto in alto uomini
Salto con l'asta uomini
Salto in lungo uomini
Salto triplo uomini
Salto in alto da fermo uomini
Salto in lungo da fermo uomini
Salto triplo da fermo uomini
Getto del peso uomini
Lancio del disco uomini
Lancio del martello uomini
Tiro alla fune uomini

La gara dei 1500 metri piani dei Giochi della II Olimpiade si tenne il 15 luglio 1900 a Parigi, in occasione dei secondi Giochi olimpici dell'era moderna.

L'eccellenza mondiale[modifica | modifica wikitesto]

In campo internazionale la specialità è ancora poco popolare. Molto più praticato è il miglio (1609 metri). Su questa distanza gli atleti più attesi sono: lo statunitense Alexander Grant, che ha vinto il titolo USA nel 1899; il connazionale John Cregan, campione nazionale USA nel 1897 e nel 1898; l'inglese Charles Bennett, che due settimane prima dei Giochi ha vinto il titolo britannico. Nel triennio 1897-99 il miglior tempo sul miglio è stato ottenuto dallo scozzese Hugh Welsh, che nel '98 ha vinto il titolo britannico con 4'17”2y e poi si è ripetuto l'anno successivo. Però Welsh ha già abbandonato lo sport dilettantistico.

La gara[modifica | modifica wikitesto]

Per la prima e unica volta nella storia olimpica, la gara si sviluppa su tre giri esatti di pista: il tracciato infatti misura 500 metri.
La finale è prevista di domenica. Gli statunitensi obiettano che in quel giorno, per i fedeli, è previsto il riposo. Gli organizzatori insistono sul rispetto del programma. Per protesta, cinque università USA proibiscono ai propri atleti di scendere in campo. Alla partenza mancano infatti i migliori americani, tra cui Alexander Grant e John Cregan.

Charles Bennett scatta in testa sin dalla partenza; conduce la gara tallonato dal francese Deloge. Nel finale l'inglese lancia la volata staccando il rivale: taglia il traguardo con alcuni metri di vantaggio. Bennett ha percorso l'ultimo giro in 70”2, un tempo ragguardevole per l'epoca.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Finale[modifica | modifica wikitesto]

Ore 15,30.
Pos. Nazione Atleta Età Tempo ufficiale Tempo stimato
Oro Regno Unito Regno Unito Charles Bennett 30 4'06"2 Record olimpico Record mondiale stagionale
Argento Francia Francia Henri Deloge 26 (4'06"6e)
Bronzo Stati Uniti Stati Uniti John Bray 25 (4'07"2e)
4 Stati Uniti Stati Uniti David Hall 25 (4'07"5e)
5 Danimarca Danimarca Christian Christensen 24 n/d
6 Austria Austria Hermann Wraschtil 21 n/d
7-9 Boemia Boemia Ondřej Pukl 24 n/d
Regno Unito Regno Unito John Rimmer 22 n/d
Francia Francia Louis Segondi n/d

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Bill Mallon, The 1900 Olympic Games. Results for all competitors in all events, with commentary, McFarland, 2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]