Astracantha sicula

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Astragalo siciliano
Astragalus siculus.jpg
Astracantha sicula
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Fabales
Famiglia Fabaceae
Sottofamiglia Faboideae
Tribù Galegeae
Genere Astracantha
Specie A. sicula
Nomenclatura binomiale
Astracantha sicula
(Biv.) Greuter
Sinonimi

Astragalus siculus
Biv.

Nomi comuni

astragalo dell'Etna, spino santo

L'astragalo siciliano (Astracantha sicula (Biv.) Greuter), o astragalo dell'Etna, è una pianta appartenente alla famiglia delle Fabaceae[1], endemica della Sicilia.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Etna-Astragalus siculus (1).jpg

È una pianta arbustiva che forma cuscini spinosi alti 30–60 cm e sino a 2 m di diametro.

Ha foglie composte, formate da 6-12 foglioline, con una punta sottile e spinosa.

I fiori hanno corolla roseo-purpurea. Fiorisce da maggio ad agosto.

Il frutto è un legume.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Si trova esclusivamente sul versante meridionale dell'Etna.[2]

Cresce su pendii aridi di lava acida, ad un'altitudine compresa tra 1000 e 2400 m.[2] Alle alte quote forma delle radure pressoché ininterrotte (Astragaletum) talora in associazione con altre specie tipiche come il crespino (Berberis aetnensis), il tanaceto (Tanacetum siculum), il ginepro (Juniperus communis) e la ginestra dell'Etna (Genista aetnensis).

Proprietà[modifica | modifica wikitesto]

Nel estratto alcolico delle radici sono state riscontrate due saponine astrasieversianin II e astragaloside I (meglio conosciuta come astrasieversianin IV).[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Astracantha sicula, su The Plant List. URL consultato il 24 aprile 2015.
  2. ^ a b Astragalus siculus scheda botanica a cura di Girolamo Giardina
  3. ^ Baratta MT, Ruberto G., Cycloartane triterpene glycosides from Astragalus siculus, in Planta Med., vol. 63, nº 3, 1997, pp. 280-283.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Sandro Pignatti, Flora d'Italia, Edagricole, Bologna 1982. ISBN 8850624492
  • T.G. Tutin, V.H. Heywood et Alii, Flora Europea, Cambridge University Press 1976. ISBN 052108489X

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica