Associazione vegetariana italiana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Associazione vegetariana italiana
AbbreviazioneAVI
Fondazione12 settembre 1952
FondatoreAldo Capitini
PresidenteCarmen Nicchi Somaschi
Sito web

L'Associazione vegetariana italiana (AVI) è un'associazione senza scopo di lucro italiana. Si occupa di diffondere gli ideali vegetariani e vegani.

È stata fondata il 12 settembre 1952 da Aldo Capitini, Edmondo Marcucci e Emma Thomas[1] con il nome "Società vegetariana italiana" al termine di un congresso dedicato all'argomento e con sede a Roma.

Nel 1968 alla morte di Capitini la sede si trasferisce a Milano, luogo dove viveva il nuovo presidente Ferdinando Delor che nel 1970 cambiò il nome in quello attuale. Delor avviò la pubblicazione della rivista L'idea vegetariana, trimestrale uscito fino al 2001[2] e cercò di promuovere l'inserimento di questa associazione nel movimento vegetariano europeo e anche mondiale[3], avvenuto negli anni successivi[4].

L'associazione ha anche organizzato il primo congresso vegetariano a livello europeo[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Aldo Capitini, Guido Calogero, Lettere, 1936-1968, Carocci, 2009, pp. 617 pagine.
  2. ^ Uomini e bestie, truciolisavonesi.it. URL consultato l'8 aprile 2013.
  3. ^ Foppa Pedretti Caterina, Spirito profetico ed educazione in Aldo Capitini, Vita e Pensiero, 2005, pp. 576 pagine.
  4. ^ L'Associazione vegetariana italiana[collegamento interrotto], festivalvegetarianotrentino.it. URL consultato l'8 aprile 2013.
  5. ^ Doc Italia, Editoriale Italiana, 1992. URL consultato l'8 aprile 2013.