Associazione vegetariana italiana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Associazione vegetariana italiana
Abbreviazione AVI
Fondazione 12 settembre 1952
Fondatore Aldo Capitini
Presidente Carmen Nicchi Somaschi
Sito web 

L'Associazione vegetariana italiana (AVI) è un'associazione senza scopo di lucro italiana. Si occupa di diffondere gli ideali vegetariani e vegani.

È stata fondata il 12 settembre 1952 da Aldo Capitini, Edmondo Marcucci e Emma Thomas[1] con il nome "Società vegetariana italiana" al termine di un congresso dedicato all'argomento e con sede a Roma.

Nel 1968 alla morte di Capitini la sede si trasferisce a Milano, luogo dove viveva il nuovo presidente Ferdinando Delor che nel 1970 cambiò il nome in quello attuale. Delor avviò la pubblicazione della rivista L'idea vegetariana, trimestrale uscito fino al 2001[2] e cercò di promuovere l'inserimento di questa associazione nel movimento vegetariano europeo e anche mondiale[3], avvenuto negli anni successivi[4].

L'associazione ha anche organizzato il primo congresso vegetariano a livello europeo[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Aldo Capitini, Guido Calogero, Lettere, 1936-1968, Carocci, 2009, pp. 617 pagine.
  2. ^ Uomini e bestie, truciolisavonesi.it. URL consultato l'8 aprile 2013.
  3. ^ Foppa Pedretti Caterina, Spirito profetico ed educazione in Aldo Capitini, Vita e Pensiero, 2005, pp. 576 pagine.
  4. ^ L'Associazione vegetariana italiana, festivalvegetarianotrentino.it. URL consultato l'8 aprile 2013.
  5. ^ Doc Italia, Editoriale Italiana, 1992. URL consultato l'8 aprile 2013.