Arrigo Guerci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Arrigo Guerci (Cuneo, 20 agosto 1920Nizza, 2 settembre 1944) è stato un partigiano italiano, medaglia d'oro al valor militare alla memoria.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Appena diplomato si era arruolato in Aeronautica. Stava seguendo il corso per sottufficiali quando sopravvenne l'armistizio. Il giovane passò subito alla Resistenza, assumendo il comando della prima squadra partigiana cittadina di Cuneo. Guerci entrò poi nella Brigata Giustizia e Libertà di valle Stura come comandante di banda, distinguendosi in rischiosissime azioni di sabotaggio.

Nell'agosto del 1944, la sua Brigata si scontrò contro la 90ª Divisione corazzata germanica che, attraverso la valle Stura puntava sulla Provenza. Successivamente Guerci e i suoi partigiani passarono in Francia con la "Carlo Rosselli". Il giovane comandante fu gravemente ferito quando, mentre i suoi uomini tentavano di impedire ai tedeschi l'occupazione della valle Tinea, corse in aiuto di un partigiano colpito. I suoi trasportarono Guerci a Nizza perché fosse curato, ma ogni tentativo di salvarlo fu inutile.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'oro al valor militare alla memoria - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al valor militare alla memoria
«Giovane di eccezionale valore fu fra i primi organizzatori della resistenza partigiana nel Cuneense. Al comando di un gruppo di valorosi da lui costituito partecipava in pianura alle più audaci imprese, esempio di ogni ardimento e di supremo sprezzo del pericolo. Comandante di un battaglione in montagna seppe trasfondere ai suoi uomini il suo leggendario coraggio e, durante un ciclo operativo nelle valli alpine d'Italia e di Francia, scrisse pagine di epico valore. Col suo gruppo di arditi ostacolava al nemico l'occupazione della Valle Tinea, e quando il combattimento volgeva vittoriosamente alla fine, cadeva mortalmente colpito da una raffica di mitraglia nel generoso tentativo di soccorrere un suo partigiano ferito. Fulgido esempio del valore italiano in terra straniera.»
— Valle Tinea, 2 settembre 1944.[1].

Ad Arrigo Guerci nel 2018 è stata intitolata una via di Cuneo[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Guerci Arrigo, su Quirinale.it. URL consultato il 29 ottobre 2018.
  2. ^ Cambiano nome venti strade e parchi di Cuneo, in La Stampa.it, 25 ottobre 2018. URL consultato il 29 ottobre 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]