Arcieparchia di Kottayam

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arcieparchia di Kottayam
Archieparchia Kottayamensis
Chiesa siro-malabarese
Arcivescovo Mathew Moolakkattu, O.S.B.
Vicario generale Jacob Velliyan
Ausiliari Jose Pandarassery
Arcivescovi emeriti Kuriakose Kunnacherry
Sacerdoti 257 di cui 156 secolari e 101 regolari
681 battezzati per sacerdote
Religiosi 129 uomini, 1.040 donne
Abitanti 3.893.000
Battezzati 175.128 (4,5% del totale)
Superficie 560.665 km² in India
Parrocchie 149
Erezione 29 agosto 1911
Rito caldeo
Cattedrale Cristo Re
Santi patroni Sacro Cuore di Gesù
San Pio X
Indirizzo P.O. Box 71, Kottayam 686001, Kerala, India
Sito web www.kottayamad.org
Dati dall'Annuario pontificio 2014 * *
Chiesa cattolica in India

L'arcieparchia di Kottayam (in latino: Archieparchia Kottayamensis) è una sede metropolitana della Chiesa cattolica. Nel 2013 contava 175.128 battezzati su 3.893.000 abitanti. È attualmente retta dall'arcivescovo Mathew Moolakkattu, O.S.B.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

L'arcieparchia non ha un territorio proprio, ma estende la sua giurisdizione sui Sudisti (Vadakumbhagar) appartenenti alla Chiesa cattolica siro-malabarese nelle province ecclesiastiche dell'arcieparchia di Ernakulam-Angamaly e dell'arcieparchia di Changanacherry.

Sede arcieparchiale è la città di Kottayam, dove si trova la cattedrale di Cristo Re.

All'arcieparchia fanno capo 149 parrocchie.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il vicariato apostolico di Kottayam fu eretto il 29 agosto 1911 con il breve In universi christiani di papa Pio X "pro gente suddistica". Aveva giurisdizione sulle parrocchie dei Sudisti lungo la costa del Malabar: la giurisdizione era precedentemente esercitata dai vicariati apostolici di Ernakulam (oggi arcieparchia di Ernakulam-Angamaly) e di Changanacherry (oggi arcieparchia).

I Sudisti, noti anche con il nome di Knanaya community o Vadakumbhagar, costituiscono una comunità endogamica che, secondo la tradizione, trae le sue origini da un gruppo di emigranti ebreo-cristiani che dalla Mesopotamia meridionale raggiunsero il porto indiano di Cranganore nel 345.

Il 21 dicembre 1923 il vicariato apostolico fu elevato a eparchia con la bolla Romani Pontifices di papa Pio XI.

Il 29 aprile 1955 la giurisdizione fu estesa a tutte le parrocchie dei Sudisti nelle province ecclesiastiche dell'arcieparchia di Ernakulam e dell'arcieparchia di Changanacherry.

Il 9 maggio 2005 l'eparchia è stata elevata al rango di arcieparchia metropolitana senza suffraganee.[1]

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica wikitesto]

  • Matthew Makil † (29 agosto 1911 - 26 gennaio 1914 deceduto)
  • Alexander Chulaparambil † (16 luglio 1914 - 8 gennaio 1951 deceduto)
  • Thomas Tharayil † (8 gennaio 1951 succeduto - 5 maggio 1974 ritirato)
  • Kuriakose Kunnacherry (5 maggio 1974 succeduto - 14 gennaio 2006 ritirato)
  • Mathew Moolakkattu, O.S.B., succeduto il 14 gennaio 2006

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

L'arcieparchia al termine dell'anno 2013 su una popolazione di 3.893.000 persone contava 175.128 battezzati, corrispondenti al 4,5% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
2005 170.200 3.595.650 4,7 214 150 64 795 5 36 115 148
2009 162.818 3.688.800 4,4 234 146 88 695 5 123 1.166 151
2013 175.128 3.893.000 4,5 257 156 101 681 129 1.040 149

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Testo del decreto in inglese.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]