Antje Jackelén

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Antje Jackelén nel 2013

Antje Jackelén (Herdecke, 4 giugno 1955) è un'arcivescova luterana svedese, primate della Chiesa di Svezia (prima inter pares) dal 15 giugno 2014.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Antje Jackelén è nata Zöllner[1] il 4 giugno 1955 a Herdecke, nella Renania Settentrionale-Vestfalia, nella Germania dell’Ovest. La famiglia apparteneva alla cosiddetta chiesa unita, cioè una fusione delle chiese luterane riformate. Ha studiato teologia a Bethel, Tubinga e Uppsala ed è stata ordinata prete dal vescovo di Stoccolma Lars Carlzon nel 1980. Da allora ha svolto la professione di prete nelle comunità di Österhaninge, Tyresö e Gårdstånga. È diventata dottoressa in teologia presso l’università di Lund nel 1999 con una tesi di dottorato dal titolo Zeit und Ewigkeit (Tempo ed Eternità), che, in seguito, è stata tradotta e pubblicata sia in inglese, con il titolo Time and Eternity, sia in svedese in una rivista di divulgazione scientifica, con il titolo Tidsinställningar.

Dopo aver lavorato come responsabile europea per il The Religion and Science Course Program presso il Centro di Teologia e Scienze Naturali a Berkeley, in California, ha ottenuto la cattedra di teologia sistematica presso la Scuola Luterana di Teologia a Chicago.[2] Dal 2003 è stata direttrice per il Centro Zygon di Religione e Scienze, dove ha lavorato finché è stata nominata vescovo di Lund.

Antje Jackelén è sposata con Hubert Heinz-Dieter Jackelén, anche lui tedesco e prete della Chiesa di Svezia. Si sono incontrati nell’estate del 1977 a Uppsala[3] e nel 1979 si sono sposati. Insieme hanno due figlie.

È stata ospite del programma radiofonico Sommar i P1 del 25 giugno 2014.[4][5]

Vescova della diocesi di Lund[modifica | modifica wikitesto]

Il 17 ottobre 2006 è stata nominata vescova della diocesi di Lund. La scelta è stata presa sin dalla prima votazione, dato che ottenne più della metà dei voti. È stata la prima votazione dopo la modifica dei rapporti tra la Chiesa di Svezia e lo Stato, avvenuta nel 2000.[6]

È stata ordinata vescova il 15 aprile del 2007 nella cattedrale di Uppsala. Ha scelto la citazione “Dio è più grande”, presa dalla Prima lettera di Giovanni 3:19-20, che ha usato anche come titolo della sua lettera pastorale pubblicata nel 2011. La lettera pastorale tratta temi quali il desiderio, la chiesa, la secolarizzazione, il credo e la scienza. Uno dei capitoli, Radicati nella Grazia, creati nel mondo, sviluppa il progetto per la diocesi di Lund di cui si è occupata.[7]

Come vescova è stata attiva nel dibattito sociale. Nel 2013 è stata premiata con lo Skåneettan, un premio per l’opinionista più influente della Scania. La giuria ritiene che “Antje Jackelén è una vescova dedita e attiva. Tiene seminari, twitta, scrive libri e articoli di dibattito. Ha iniziativa, perseveranza, tempismo e intuizione – qualità che la rendono un’opinionista qualificata. Durante l’Almedalsveckan (il maggiore forum politico svedese che si tiene annualmente ad Almedalen) Antje Jackelén ha introdotto la questione relativa al fatto che la Svezia non abbia un clima adatto al dibattito religioso.”[8]

La Jackelén ha scritto diversi libri e oltre 100 articoli, sia testi scientifici, di divulgazione scientifica, articoli di dibattito e sermoni.[9] Tra i temi più ricorrenti c’è il rapporto tra natura, credo e ruolo della religione nella società. Per esempio, tra gli ultimi, si può menzionare la posizione a favore dei matrimoni omosessuali e del completamento degli studi.[10][11]

È l’ideatrice del progetto Social Cohesion, una collaborazione tra la diocesi di Lund, la Regione Scania, l’Università di Lund e la Camera dell’Industria e del Commercio della Svezia meridionale.[12] Tra i progetti internazionali, merita di essere citato il ruolo di membro del consiglio per la Lutherska världsförbundet, l’organo di collaborazione internazionale per le chiese luterane.

La Jackelén è stata una degli officianti del matrimonio tra la principessa ereditaria Victoria e Daniel Westling nel 2010.

Elezioni del 2013 per l’arcivescovo[modifica | modifica wikitesto]

Secondo un sondaggio del sito dello Kyrkans Tidning, il settimanale ufficiale della Chiesa di Svezia, la Jackelén era la favorita nel maggio 2013 per il posto di nuovo arcivescovo da succedere a Anders Wejryd che aveva intenzione di andare in pensione nell’aprile 2014.[13]

Il 15 ottobre 2013 è stata eletta arcivescova della diocesi di Uppsala. È stata la prima donna ad aver ricoperto questa carica. La decisione è stata presa alla prima votazione dato che la Jackelén aveva ottenuto il 55,9% dei voti. Si è insediata con una messa tenutasi nella cattedrale di Uppsala il 15 giugno 2014.[14]

Arcivescova[modifica | modifica wikitesto]

In qualità di arcivescova della Chiesa di Svezia ha incontrato papa Francesco a Roma nel maggio 2015[15] e tra l’ottobre e il novembre del 2016 quando lui ha visitato la Svezia in occasione del 500º anniversario della Riforma.[16]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Tidsinställningar. Tiden i naturvetenskap och teologi. Lund: Arcus. 2000.
  • Zeit und Ewigkeit. Die Frage der Zeit in Kirche, Theologie und Naturwissenschaft. Avhandling vid Lunds universitet 1999, nyutgåva Neukirchen-Vluyn: Neukirchener Verlag. 2002.
  • Time and Eternity: The Question of Time in Church, Science, and Society. Transl. B. Harshaw. Philadelphia and London: Templeton Foundation Press. 2005.
  • Gud är större: Ett herdabrev för vår tid. Lund: Arcus. 2011

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) Elisabeth Semme, Mutter freut sich mit der Erzbischöfin. URL consultato l'08 marzo 2018.
  2. ^ Faculty Member, su www.lstc.edu. URL consultato l'08 marzo 2018.
  3. ^ (DE) Reinhard Wolff, Kirche in Schweden: Eine Migrantin wird Erzbischöfin, in Die Tageszeitung: taz, 16 giugno 2014. URL consultato l'08 marzo 2018.
  4. ^ http://sverigesradio.se/Diverse/AppData/Isidor/Files/2071/14326.pdf
  5. ^ (SV) Sveriges Radio, Antje Jackelén - Sommar & Vinter i P1, su sverigesradio.se. URL consultato l'08 marzo 2018.
  6. ^ Biskop Antje Jackelén - Svenska kyrkan - Lunds stift, su svenskakyrkan.se, 06 maggio 2013. URL consultato l'08 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 6 maggio 2013).
  7. ^ Lunds stifts vision, su www.svenskakyrkan.se. URL consultato l'08 marzo 2018.
  8. ^ (SV) Bästa opinionsbildare 2012, in Sydsvenskan. URL consultato l'08 marzo 2018.
  9. ^ Anders Brogren, "Antje Jackelén som teolog", 1-2. Svensk pastoraltidskrift nr 10-11 2014.
  10. ^ (SV) Äktenskapet inte sämre för att fler inkluderas, in SvD.se. URL consultato l'08 marzo 2018.
  11. ^ (SV) Unga får signalen att kyrkan kan vara farlig, in SvD.se. URL consultato l'08 marzo 2018.
  12. ^ http://www.skanestadsmission.se/Verksamheter/Sammarbetsprojekt/Social-Cohesion/
  13. ^ Vem vill du se som nästa ärkebiskop? Kyrkans Tidning, 2013-05-23
  14. ^ (SV) Sveriges Radio, Sveriges första kvinnliga ärkebiskop vald - Nyheter (Ekot), su sverigesradio.se. URL consultato l'08 marzo 2018.
  15. ^ Ärkebiskopen mötte påven, 04 maggio 2015. URL consultato l'08 marzo 2018.
  16. ^ (SV) Sveriges Radio, Påvens besök fortsätter med mässa - Nyheter (Ekot), su sverigesradio.se. URL consultato l'08 marzo 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN184018259 · ISNI (EN0000 0003 5636 5095 · LCCN (ENno2004112709 · GND (DE123556368