Annullamento (diritto amministrativo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

L'Annullamento nel diritto amministrativo è l'istituto mediante il quale viene fatta perdere efficacia ad un precedente atto amministrativo. Tale istituto può essere l'effetto di una sentenza di un giudice amministrativo, oppure può essere operata in via di autotutela da parte della pubblica amministrazione stessa. In quest'ultimo caso si parla, più propriamente, di revoca dell'atto.[1]

Richiesta[modifica | modifica wikitesto]

L'annullamento di una atto amministrativo può essere richiesto:

  • dall'interessato, tramite il ricorso amministrativo: in tal caso, in caso di accoglimento della domanda, sarà un giudice amministrativo tramite una sentenza passata in giudicato ad annullare concretamente tale atto;
  • d'ufficio, cioè è disposto dalla stessa pubblica amministrazione;

Effetti[modifica | modifica wikitesto]

L'annullamento ha efficacia retroattiva: l'annullamento fa venir meno l'atto invalido dal momento in cui è stato emanato e con esso tutti i suoi effetti.

In alcuni casi è possibile che non sia possibile ripristinare esattamente la situazione iniziale: è inammissibile, per esempio, quando dall'annullamento verrebbero pregiudicate le posizioni giuridiche di terzi di buona fede; in questi casi la retroattività non è applicata completamente.

Termini[modifica | modifica wikitesto]

Nell'impugnazione[modifica | modifica wikitesto]

Nel caso l'annullamento sia richiesto dalle parti interessate a mezzo di ricorso innanzi al giudice amministrativo, questo deve essere fatto valere entro 60 giorni dal momento in cui è stato notificato l'atto o da quello in cui l'interessato ne è venuto a conoscenza. Il termine è maggiore se l'atto rispetto al quale si vuole far valere l'annullabilità, è lesivo di un diritto soggettivo e non di un interesse legittimo; in questo caso i termini sono quelli previsti per i diritti lesi.

Scaduto il termine, gli interessati non possono più richiedere l'annullamento dell'atto amministrativo viziato, e si parla di consolidazione per inoppugnabilità.

In caso di autotutela[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ambito dell'autotutela della pubblica amministrazione, questa può sempre revocare l'atto viziato.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Si guardi in tal senso, Oberlan Forlenza, Distinzione tra annullamento e revoca necessaria per accogliere l'istanza, in Guida al Diritto del 17 maggio 2008, n. 20, pag. 79.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Vincenzo Cerulli Irelli, Corso di diritto amministrativo, Torino, Giappichelli Editore, 1997. ISBN 88-348-7225-8.
  • Bruno E.G. Fuoco, Manuale dell'autotutela decisoria - Guida all'annullamento e alla revoca degli atti di gara, Maggioli, 2009,ISBN 88-387-4723-7

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Diritto Portale Diritto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diritto