Ricorso amministrativo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il rimedio di natura giurisdizionale, vedi ricorso giurisdizionale amministrativo.

Il ricorso amministrativo, nel diritto amministrativo italiano, è l'istanza diretta ad una pubblica amministrazione al fine di ottenere una tutela della propria situazione giuridica soggettiva, nella specie di interesse legittimo o, nei casi di giurisdizione esclusiva, di diritto soggettivo. Si configura come un mezzo di tutela non giurisdizionale[1].

Presupposti[modifica | modifica wikitesto]

Chi ha interesse a far valere un proprio diritto o un proprio interesse legittimo che ritiene sia stato leso da atti o provvedimenti della pubblica amministrazione, può rivolgersi agli organi giurisdizionali (ordinari od amministrativi), ma può anche rivolgersi ad organi della stessa pubblica amministrazione; in questo caso, il mezzo a disposizione degli interessati è il ricorso amministrativo.

Scopi[modifica | modifica wikitesto]

Lo scopo principale di questo tipo di ricorsi, è quello di ridurre il ricorso alla magistratura per la composizione delle controversie. Con il ricorso amministrativo si può chiedere il riesame degli atti adottati dalla pubblica amministrazione, per ottenerne l'annullamento, la revoca o la riforma.

Tipologie[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ordinamento italiano sono previsti i seguenti ricorsi amministrativi:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Codice dell'azione amministrativa, pag. 3; Maria Alessandra Sandulli, Giuffrè Editore, anno 2011

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Diritto Portale Diritto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diritto