Angiolo Cabrini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Angiolo Cabrini

Deputato del Regno d'Italia
Legislature XXI Legislatura, XXII Legislatura, XXIII Legislatura, XXIV Legislatura
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Partito Socialista Italiano (fino al 1912)
Partito Socialista Riformista Italiano (fino al 1916)
Partito Socialista Unitario (fino al 1925)
Titolo di studio Licenzia media
Professione giornalista

Angiolo Cabrini (Codogno, 9 marzo 1869Roma, 6 maggio 1937) è stato un sindacalista, politico e giornalista italiano, tra i primi e importanti leader del socialismo italiano.

Impiegato di banca, venne arrestato per motivi politici nel 1889: venne prosciolto, ma fu costretto a lasciare il posto di lavoro. Nel 1890 diventa redattore de Il Fascio Operaio. Successivamente collabora con Il Ribelle e dirige Il Progresso, per poi entrare anche nella redazione del genovese L'Epoca: inizia così una lunga e mai più interrotta carriera giornalistica che lo vede nel tempo scrivere per molti giornali tra cui Il Socialista e L'Avvenire del lavoratore di Lugano, oltre che per la Critica sociale, la Lotta di classe e l'Avanti!.

Nel 1892 fu tra i fondatori del Partito Socialista Italiano: con il PSI fu eletto deputato dopo le elezioni del 1900 e manterrà il suo scranno parlamentare fino al 1919. In quegli anni inizierà anche ad assumere alti incarichi nella Confederazione Generale del Lavoro.

Nel 1911 fu favorevole alla guerra di Libia: di conseguenza, venne espulso dal PSI assieme a Leonida Bissolati, Ivanoe Bonomi, Guido Podrecca e ad altri nove deputati socialisti, con i quali diede subito vita al Partito Socialista Riformista Italiano.

Durante la prima guerra mondiale fu interventista e nel 1916 si arruolò anche volontario; nello stesso anno abbandonò il PSRI.

Nel luglio 1922 creò nella Capitale il bollettino Informazioni sociali, che dirisse sino alla morte; nell'ottobre dello stesso anno aderì al Partito Socialista Unitario di Filippo Turati e Giacomo Matteotti.

Durante il ventennio fascista tenne un atteggiamento di collaborazione col regime mussolinano analogo a quello di Rinaldo Rigola e di altri ex dirigenti confederali.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN69838323 · SBN: IT\ICCU\RAVV\038082 · ISNI: (EN0000 0000 5509 6442 · GND: (DE123557356 · BNF: (FRcb11498733p (data)