Angelo Petrella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Angelo Petrella (Napoli, 1978) è uno scrittore, sceneggiatore e giornalista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Angelo Petrella è nato nel 1978 a Napoli.

Nel 1996 si trasferisce a Roma, dove si laurea in Lettere Moderne presso l'Università La Sapienza con una tesi sull'esperienza poetica del Gruppo 93. Dopo un breve periodo trascorso a Parigi, consegue nel 2008 un dottorato in Letteratura Italiana presso l'Università di Siena, lavorando sull'opera narrativa di Luigi Pirandello. Suo maestro è Romano Luperini.

Dal 2010 cessa le pubblicazioni scientifiche e abbandona definitivamente la carriera universitaria per dedicarsi a tempo pieno all'attività letteraria.

Come scrittore viene scoperto da Marco Vigevani, che diventa suo agente letterario. Il suo esordio narrativo è con l'editore Meridiano Zero, noto per aver rilanciato il noir e l'hard boiled nel mercato italiano: la casa editrice padovana gli pubblica i romanzi brevi Cane rabbioso (2006) e Nazi Paradise (2007, tradotto anche in Germania). L'esordio narrativo di Petrella diventa subito un caso editoriale, sia per la giovane età dell'autore che per la potenza espressiva della sua prosa. La sua scrittura si inserisce nell'alveo di quella nouvelle vague napoletana che, partendo dagli anni Novanta, annovera scrittori anche molto distanti tra loro ma ispirati comunemente dalle atmosfere culturali della città quali Peppe Lanzetta, Giuseppe Montesano, Valeria Parrella, Davide Morganti, Patrizia Rinaldi, Andrej Longo e Antonio Menna.

Nel 2008 esce il terzo romanzo La città perfetta, che segna il passaggio all'editore Garzanti. Il libro, un'epopea criminale e politica ambientata nei primi anni Novanta, riscuote subito un grande successo di pubblico e critica. Più volte ristampato e finalista al Premio Scerbanenco, il romanzo viene tradotto in Francia e ne viene tratto un doppio allestimento teatrale per l'edizione 2010 del Napoli Teatro Festival Italia.

Il quarto libro Le api randage esce sempre per Garzanti nel 2012. A vent'anni da Tangentopoli, il romanzo segue le vicende dell'ascesa e del crollo di una famiglia di grandi industriali napoletani, tra scandali, intrighi e crimini. Nel 2014 Petrella pubblica invece con l'editore Rizzoli un thriller storico intitolato Pompei. L'incubo e il risveglio.

Nel 2017 esce il romanzo Operazione Levante per l'editore Baldini & Castoldi. Scritta "in tempo reale", questa spy-story tratta argomenti di scottante attualità quali il conflitto in Siria, l'Isis e la guerra per il petrolio. Nell'ottobre dello stesso anno il libro viene insignito del Premio Megaris per la narrativa.

Per la primavera del 2018 è prevista l'uscita del primo romanzo di una nuova serie narrativa poliziesca ambientata a Napoli, per l'editore Marsilio.

La scrittura di Petrella è sempre tagliente ed efficace: il suo stile tende ad evocare suggestioni e sensazioni piuttosto che soffermarsi su descrizioni o forme di introspezione psicologica. Lontano dai gusti e dagli stili predominanti, l'approccio di Petrella mira al cuore delle "cose" e predilige personaggi tormentati, franti e in preda all'ossessione. Si può parlare di una visione tragica ed eroica dell'esistenza, che traspare soprattutto nei romanzi più espressamente noir. L'autore, che per le sue opere non disdegna l'etichetta di "poliziesco", in molte sue interviste ha citato come modelli di riferimento Fedor Dostoevskij, James Ellroy e Nanni Balestrini.

Come sceneggiatore firma soggetti e script per il cinema e la televisione. Ha collaborato con diversi quotidiani, tra cui la Repubblica, il Corriere del Mezzogiorno e Il Mattino.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

Saggi[modifica | modifica wikitesto]

Poesia[modifica | modifica wikitesto]

Reportage[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN48929617 · ISNI: (EN0000 0000 7851 1266 · SBN: IT\ICCU\CFIV\184629 · BNF: (FRcb15911273m (data)