Anastasija Kapačinskaja

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Anastasija Kapačinskaja
Anastasiya Kapachinskaya Daegu 2011.jpg
Anastasija Kapačinskaja a Taegu 2011
Nazionalità Russia Russia
Altezza 173 cm
Peso 59 kg
Atletica leggera Athletics pictogram.svg
Specialità Velocità
Record
200 m 22"38 (2003)
200 m 22"59 (indoor - 2003)
400 m 50"02 (2008)
400 m 52"17 (indoor - 2008)
Società Russian Army
Carriera
Nazionale
2001-Russia Russia
Palmarès
Mondiali 1 1 1
Mondiali indoor 0 1 0
Europei 0 1 0
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 17 febbraio 2019

Anastasija Aleksandrovna Kapačinskaja (in russo: Анастасия Александровна Капачинская?; Mosca, 21 novembre 1979) è una velocista russa, specializzata nei 200 e 400 metri piani.

È stata campionessa mondiale dei 200 metri a Saint-Denis 2003 e medaglia d'argento olimpica nella staffetta 4×400 metri a Pechino 2008 e Londra 2012, medaglie entrambe revocate per doping.[1][2]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Anno Manifestazione Sede Evento Risultato Prestazione Note
2001 Mondiali indoor Portogallo Lisbona 200 m piani Semifinale 23"61
Mondiali Canada Edmonton 400 m piani Semifinale 51"68
4×400 m Bronzo Bronzo 3'24"92
2002 Europei Germania Monaco 400 m piani 51"69
4×400 m Argento Argento 3'25"59
2003 Mondiali indoor Regno Unito Birmingham 200 m piani Argento Argento 22"80
Mondiali Francia Saint-Denis 200 m piani Oro Oro 22"38 Miglior prestazione personale
4×400 m Argento Argento 3'22"91 Miglior prestazione personale stagionale
2008 Giochi olimpici Cina Pechino 400 m piani sq
4×400 m sq
2009 Mondiali Germania Berlino 400 m piani sq
4×400 m sq
2010 Europei Spagna Barcellona 200 m piani sq
4×400 m sq
2011 Mondiali Corea del Sud Taegu 400 m piani sq
4×400 m sq
2012 Giochi olimpici Regno Unito Londra 4×400 m sq

Altre competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

2003

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Russia stripped of 2008 women's relay medal in doping case, su eu.usatoday.com, 19 agosto 2016. URL consultato il 6 novembre 2018.
  2. ^ (EN) More Russian track athletes banned for doping at London Olympics, su cbc.ca, 28 novembre 2017. URL consultato il 6 novembre 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]