Amimone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Amimone
Paphos Haus des Dionysos - Poseidon und Amymone 1 cropped.jpg
Amimone e Poseidone
Nome orig. Ἀμυμώνη
Epiteto "Senza colpa"
Sesso Femmina

Amimone (in greco antico Ἀμυμώνη ) è un personaggio della mitologia greca, è una delle cinquanta figlie del re Danao (Danaidi).

Mitologia[modifica | modifica wikitesto]

Quando il padre giunse a Lerna, nel golfo di Nauplia, per la mancanza di acqua incaricò la figlia Amimone di procurarsi dell'acqua per un sacrificio[1].
Mentre svolgeva il compito, la giovine svegliò involontariamente un satiro, che cercò di abusare di lei. La fanciulla invocò l'aiuto di Poseidone, che intervenne scagliando il proprio tridente in direzione del satiro, mancandolo. Il tridente si conficcò in una roccia e Poseidone concesse ad Amimone di estrarlo. Da quel punto sgorgò l'acqua della fonte Amimone. Questa è l'origine del fiume di Lerna. Dall'unione tra Amimone e Poseidone nacque Nauplio[2]. Di questo mito trattava Eschilo nel dramma satiresco Amimone.

Somiglianze con Ipermnestra[modifica | modifica wikitesto]

Una leggenda racconta che Amimone andò in sposa all'egittide Linceo, suo cugino e figlio di Egitto e che rifiutò di obbedire a suo padre quando ordinò alle proprie figlie di uccidere i loro mariti.
Il fatto che Amimone fu l'unica a non uccidere il marito Linceo la rende identica ai miti dove la sposa che non uccise Linceo sia citata come Ipermnestra, i quale fa pensare ad uno scambio di nomi relativi alla stessa persona.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ R. Graves, I miti greci, Milano, Longanesi, 1963, p. 180.
  2. ^ Igino, Fabulae, 169

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • R. Graves, I miti greci, Milano, Longanesi, 1963, pp. 179 ss.
Controllo di autorità GND: (DE1047652544
Mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca