Amalia Gré

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Amalia Grè
NazionalitàItalia Italia
GenereJazz
Pop
Periodo di attività musicale2001 – in attività
EtichettaCapitol EMI
Album pubblicati4
Studio3
Raccolte1
Sito ufficiale

Amalia Grè, pseudonimo di Amalia Grezio (Miggiano, 16 giugno 1964), è una cantautrice, designer, scultrice e artista digitale italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si è diplomata all'Accademia di Belle Arti di Perugia. A New York, ha studiato recitazione alla scuola Black Nexxus e per sei anni è stata seguita e incoraggiata da Betty Carter, prima tra tanti artisti - come Bobby McFerrin, Herbie Hancock, Bob Dorought - a credere nella sua voce e nel suo talento.

Carriera musicale[modifica | modifica wikitesto]

La sua affermazione è iniziata nel 2001, anno in cui raggiunse la finale del festival Musicultura con la canzone Io cammino di notte da sola. Subito dopo, scoperta da Alessio Bertallot che propose il suo brano durante la trasmissione di Radio Deejay B-Side, ha raggiunto la popolarità nazionale,[1] e la sua canzone fu inserita in una delle compilation estive della manifestazione canora del Festivalbar nel 2003. Nel 2004 ha pubblicato il suo album di debutto per la Capitol EMI, Amalia Gré, mantenendo il genere jazz. Tra la fine del 2005 e il gennaio del 2006 è tornata in studio di registrazione per preparare il suo secondo album, Per te, che sarà poi ristampato l'anno successivo in seguito alla partecipazione della cantante al Festival di Sanremo 2007 nella sezione "Campioni" con la canzone Amami per sempre,[2] scritta da lei stessa in collaborazione con Michele Ranauro e Paola Palma ed eseguita anche in coppia con Mario Biondi durante la serata dedicata ai duetti.[3]

Nel 2008 è uscito, in collaborazione con il collettivo di musica elettronica Minuta, il disco Minuta vs Amalia Gré, pubblicato per la EMI.[4][5] Nello stesso anno ha collaborato alla realizzazione della colonna sonora del film della Disney Trilli, interpretando il tema portante Volerai.

In seguito ha proseguito la sua attività di pittrice, entrando a far parte della mostra itinerante dal titolo "In My Secret Place", ideata da Massimo Cotto, e di artista musicale, esibendosi dal vivo anche su scala internazionale, chiamata per alcune date nel 2011 anche a Tokyo.

Nel 2012, la EMI ha pubblicato una raccolta di brani dell'artista, intitolata The Essential.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

  • 2012 - Essential (best of) - (EMI)

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Biografia di Amalia Gré da rockol.it, su rockol.it. URL consultato il 16 febbraio 2017.
  2. ^ Mario Luzzatto Fegiz, Dorelli che classe, il brano no. Lezione d'ironia da Paolo Rossi e Al Bano non tradisce i fans, in Corriere della Sera, 1º marzo 2007, p. 44-45. URL consultato il 23 febbraio 2011.
  3. ^ Mario Luzzatto Fegiz, I duetti migliorano tutti ma molti si inglesizzano. Rossi, show garibaldino, in Corriere della Sera, 2 marzo 2007, p. 55. URL consultato il 23 febbraio 2011.
  4. ^ Mario Luzzatto Fegiz, Questa volta Amalia "gioca" con l'elettronica, in Corriere della Sera, 6 luglio 2008, p. 40. URL consultato il 23 febbraio 2011.
  5. ^ Minuta vs Amalia Gré su italiancharts.com, su italiancharts.com. URL consultato il 23 febbraio 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN90388025 · SBN IT\ICCU\UBOV\893960