Almazán

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Almazan (disambigua).
Almazán
comune
Almazán – Stemma Almazán – Bandiera
Almazán – Veduta
Localizzazione
StatoSpagna Spagna
Comunità autonomaFlag of Castilla y León.svg Castiglia e León
ProvinciaFlag Soria province.svg Soria
Territorio
Coordinate41°28′00.12″N 2°31′00.12″W / 41.4667°N 2.5167°W41.4667; -2.5167 (Almazán)
Altitudine940 m s.l.m.
Superficie166,53 km²
Abitanti5 727 (2005)
Densità34,39 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale42200
Prefisso(+34)...
Fuso orarioUTC+1
Codice INE42020
TargaSO
PatronoGesù
Cartografia
Mappa di localizzazione: Spagna
Almazán
Almazán
Almazán – Mappa
Sito istituzionale
Almazán, Puerta de la Villa

Almazán (voce di origine araba, luogo fortificato) è un comune spagnolo di 5.546 abitanti (2001), situato sulla riva sinistra del Duero a 950 metri di altitudine s.l.m. nella comunità autonoma di Castiglia e León in Provincia di Soria, città dalla quale dista 32 km.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

È a capo del distretto giudiziario e della comarca che porta il suo nome. Gli abitanti del comune sono concentrati nel capoluogo e l'attività principale nella comarca è rappresentata dall'agricoltura e dall'allevamento del bestiame e sono presenti anche alcune industrie alimentari e, soprattutto, della costruzione di mobili in legno per cui Almazan è detta città del mobile.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Almazán è una città di fondazione araba che fu conquistata nel 1128 dal re Alfonso I il Battagliero e assunse nel Medio Evo un ruolo importante come si evince dal fatto che aveva dieci parrocchie, nove chiese non parrocchiali (ermitas), due ospedali e quattro monasteri.

Nel 1395 vi si firmò la pace fra la Castiglia e l'Aragona da parte di Enrico II re di Castiglia e Pietro IV il Cerimonioso re di Aragona. Enrico IV di Castiglia la diede in signoria a Juan Hurtado de Mendoza che nel 1392 era maggiordomo maggiore del re Enrico III e la città fu retta da un alcalde mayor e da sei assessori, tre della classe degli hidalgos (nobili e professionisti di rilievo) e tre del popolo.

Fu poi un marchesato dei conti di Altamira essendo questo un titolo degli Hurtado de Mendoza e tale rimase fino alla prima metà del secolo XIX quando furono aboliti i privilegi feudali. Seguì poi le sorti della Castiglia e dopo la riunificazione quelle della Spagna senza alcun protagonismo.

Monumenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Cinta muraria che racchiude il centro storico medievale ed ha le porte de la Villa, del Mercado e de Herreros
  • Palacio de la familia Hurtado de Mendoza del XV secolo
  • Iglesia de San Vicente chiesa del XIII secolo oggi utilizzata come aula municipale di cultura
  • Iglesia de San Miguel del XII secolo con facciata del XVI
  • Iglesia de Santa María de Calatañazar del XIII secolo
  • Iglesia de San Pedro dello stesso secolo
  • Iglesia de Nuestra Señora del campanario del XII secolo
  • Ermita de Jesús Nazareno del XVI secolo
  • Parque de la Alborada

Dintorni[modifica | modifica wikitesto]

A 38 km Medinaceli antico villaggio della potente casata dei Medinaceli.

Feste[modifica | modifica wikitesto]

  • Oltre alla Semana Santa qui come altrove celebrata con le processioni delle confraternite che iniziano la Domenica delle Palme e continuano fino al Venerdì Santo: i Pasos pesanti gruppi lignei che rappresentano scene della Passione tolti dalle chiese dove sono custoditi e per ore sfilano portati a braccia per le vie della città preceduti dai tamburini che battono un ritmo funebre e seguiti da incappucciati vestiti dei costumi tradizionali.
  • Bajada de Jesús nelle prima settimana di settembre. Durante la processione serale dalla chiesa del campanario all'Ermita de Jesús Nazareno si spengono le luci della città a partire dalla Plaza Mayor e si fanno esplodere razzi e fuochi artificiali che inondano di luce e colori le strade e le case.
  • El Zarrón festa in onore di san Pascual Baylon: il Zarrón è un personaggio buffo vestito da pastore che avanza con un garrote (specie di palla di cuoio appesa a filo) con cui colpisce chi si avvicini troppo alla statua del Santo portato in processione.[1]
  • Feria de Mayo fiera di maggio con varie manifestazioni.

Le feste religiose sono accompagnate, com'è tradizione in Spagna, da divertimenti, gare sportive e danze tipiche.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (ES) El Zarrón (Almazán) [collegamento interrotto], su sorianitelaimaginas.com. URL consultato il 7 novembre 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN124437603 · LCCN (ENn88060747 · GND (DE7514692-7 · BNF (FRcb121564633 (data)
Spagna Portale Spagna: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Spagna