Aliki Vougiouklaki

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Aliki Vougiouklaki tra i marinai

Aliki Vougiouklaki in greco: Αλίκη Βουγιουκλάκη (Amarousio, 20 luglio 1934Atene, 23 luglio 1996) è stata un'attrice greca.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Biondissima, estroversa, vivace, vocina da bambola, con una femminilità sempre celata dalla casta innocenza della sua perenne adolescenza, si può ben dire che Aliki Vougiouklaki sia stata l'equivalente greca di Brigitte Bardot della quale, peraltro, era coetanea.

Dopo gli studi di recitazione Aliki inizia la sua carriera pubblica in ambito teatrale, ma grazie alla sua personalità duttile e caparbia riesce facilmente ad alternare ruoli della commedia classica e drammatica con spettacoli musicali leggeri e brillanti del tipo Broadway che la introducono nell'ambiente cinematografico.

Con un ruolo nel film Το κορίτσι με τα λουλούδια, To koritsi me ta louloudia, La ragazza con i fiori, primo di una serie di 42 film, nel 1954 riesce così ad entrare nel mondo del cinema greco evidenziando con naturalià sul set il suo vero carattere allegro e disinibito.

La sua scatenata simpatia e la sua ribelle voglia di vivere si scontrano con le rigide regole sociali ancora presenti nella perbenista borghesia greca, destinate comunque a dissolversi presto a causa del progresso che si diffonde nel dopoguerra, anche in Grecia.

È questo il momento in cui nell'alta società internazionale si impongono figure di personaggi del calibro degli armatori greci Onassis e Livanos e l'intera Grecia vuole dimenticare la guerra e vivere nel sogno del cambiamento, del benessere economico e della felicità.

Il sogno è materializzato da Aliki Vougiouklaki che diventa la protagonista di numerosi film divertenti e leggeri di carattere favolistico, disimpegnati e simili ai musicarelli tanto di moda negli stessi anni anche in Italia, dove l'intento esplicito è quello dare risalto ad un determinato personaggio dello spettacolo lanciando motivetti facilmente orecchiabili.

Ogni suo film di quel periodo propone una colonna sonora che vuole palesemente avvicinarsi verso il genere pop occidentale determinando un chiaro distacco dalle tradizionali sonorità greche, storicamente influenzate da ritmi orientaleggianti.

Bella, gentile, sbarazzina ma rispettosa dei valori, Aliki personifica la ragazza che qualsiasi greco di ogni ceto e di ogni età vorrebbe avere come figlia, fidanzata, sorella, zia, mentre il suo desiderio di libertà ed emancipazione piace anche alle proto-femministe.

Queste qualità la fanno amare da tutto il pubblico greco tanto da diventare un fenomeno di massa meritandosi l'appellativo di stella nazionale della Grecia.

Molti ammiratori sperano perfino di vederla un giorno regina di Grecia, quando i giornali di gossip elencano tra i suoi corteggiatori Costantino, l'allora principe ereditario destinato alla successione al trono, conosciuto anche per i suoi successi di sportivo e play boy.

Sicuramente l'apice della sua notorietà in Grecia è raggiunto nel 1961 con il film Η Αλίκη στο ναυτικό, Aliki sto naftikò, Aliki va in marina, una sorta di autobiografia caratteriale dell'attrice stessa, dove la protagonista recita con il suo vero nome proprio: Aliki si imbarca su una nave della marina militare del gaudente Regno di Grecia (ormai per poco), con tutte le situazioni comiche che possono verificarsi a bordo di una nave di soli uomini per la presenza clandestina, seppur camuffata nella divisa da marinaio, di una bella ma maldestra ragazza bionda e svampita; film talmente autocelebrativo al punto che Aliki sposa due volte lo stesso uomo, sia nella finzione scenica, sia nella vita reale dove sposa Dimitris Papamichael, suo collega e attore coo-protagonista maschile.

Nel 1963 viene prodotto il film Aliki my love, Alice amor mio, l'unico girato in lingua inglese anziché in greco, nel tentativo di espandere la notorietà di Aliki Vougiouklaki anche all'estero e darle una fama internazionale.

Quelli, però, sono gli anni in cui in Inghilterra sta per esplodere una ben più importante rivoluzione artistica e di costume generale e questo genere di film non attrae l'attenzione e il successo sperati, relegando definitivamente la fama di Aliki Vougiouklaki in ambito localistico.

Ancora, nel 1963 viene girato il film Χτυποκάρδια στο θρανίο, Chtipokardia sto thranio, Batticuore alla cattedra o Sıralardaki Heyecanlar, Durante le emozioni, in una doppia versione, vista l'attiguità culturale, in lingua greca e in lingua turca, ma a causa della perenne ostilità tra i due Paesi, la distribuzione del film nelle sale cinematografiche in Turchia viene ostacolata.

Con la presa di potere nel 1967 della Giunta dei Colonnelli, improvvisamente il genere spensierato diventa inattuale in Grecia e Aliki Vougiouklaki prosegue la sua carriera cinematografica con film più seri e impegnati per poi ritornare a spettacoli teatrali, sua attività iniziale.

Il lieto fine come nelle favole dei suoi film non è altrettanto garantito nella vita reale: dopo un matrimonio burrascoso, una malattia porta Aliki Vougiouklaki ad una fine prematura.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

  • Taxidi, regia di Dinos Dimopoulos (1962)
  • I pseftra, regia di Giannis Dalianidis (1963)
  • To doloma, regia di Alekos Sakellarios (1964)
  • S' agapo, regia di Takis Vougiouklakis (1971)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN60311325 · ISNI (EN0000 0000 6331 1392 · Europeana agent/base/149037 · LCCN (ENn00037513 · BNF (FRcb142372289 (data) · J9U (ENHE987007358830705171 · WorldCat Identities (ENlccn-n00037513