Alexander Nanau

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Alexander Nanau (Bucarest, 18 maggio 1979) è un regista, sceneggiatore e produttore cinematografico romeno naturalizzato tedesco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nanau è nato nel 1979 a Bucarest e all'età di dodici anni, nel 1990 si è trasferito in Germania.[1] A Berlino ha studiato regia presso l'Accademia tedesca del cinema e della televisione di Berlino (DFFB)[1] e ha ottenuto due borse di studio, rispettivamente al Sundance Institute[2] e all'Accademia delle arti (Akademie der Künste) di Berlino.[3]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2007 ha fondato la casa di produzione Alexander Nanau Production.[4] Nel 2010 ha debuttato alla regia, dirigendo il documentario The World According to Ion B..[5]

Nanau è stato inoltre il direttore della fotografia del documentario franco-tedesco Nothingwood, girato in Afghanistan e presentato in anteprima al Festival di Cannes nel 2017,[6] nella selezione indipendente Quinzaine des Réalisateurs. Nel 2020 ha realizzato il documentario Collective, che l'anno seguente ha ricevuto la candidatura all'European Film Awards nella categoria "miglior documentario" ed è diventato anche il primo film rumeno candidato agli Oscar, in 2 categorie ("Miglior film in lingua straniera" e "Miglior documentario").[7][8]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

  • Peter Zadek inszeniert Peer Gynt (2006), regia di Alexander Nanau - documentario
  • The World According to Ion B. (Lumea vãzutã de Ion B.), regia di Alexander Nanau (2009) - documentario
  • Toto and His Sisters (Toto si surorile lui), regia di Alexander Nanau (2014) - documentario
  • Collective (Colectiv), regia di Alexander Nanau (2019) - documentario

Direttore della fotografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Peter Zadek inszeniert Peer Gynt (2006), regia di Alexander Nanau - documentario
  • The World According to Ion B. (Lumea vãzutã de Ion B.), regia di Alexander Nanau (2009) - documentario
  • Toto and His Sisters (Toto si surorile lui), regia di Alexander Nanau (2014) - documentario
  • Nothingwood, regia di Sonia Kronlund (2017) - documentario
  • Collective (Colectiv), regia di Alexander Nanau (2019) - documentario

Montatore[modifica | modifica wikitesto]

  • Peter Zadek inszeniert Peer Gynt (2006), regia di Alexander Nanau - documentario
  • A Mere Breath (Doar o rãsuflare), regia di Monica Lãzurean-Gorgan (2016) - documentario
  • Toto and His Sisters (Toto si surorile lui), regia di Alexander Nanau (2014) - documentario
  • Collective (Colectiv), regia di Alexander Nanau (2019) - documentario

Produttore[modifica | modifica wikitesto]

  • Peter Zadek inszeniert Peer Gynt (2006), regia di Alexander Nanau - documentario
  • Toto and His Sisters (Toto si surorile lui), regia di Alexander Nanau (2014) - documentario
  • Collective (Colectiv), regia di Alexander Nanau (2019) - documentario

Produttore esecutivo[modifica | modifica wikitesto]

  • The World According to Ion B. (Lumea vãzutã de Ion B.), regia di Alexander Nanau (2009) - documentario

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (DE) Dokumentarfilm „Colectiv“, su Deutschlandfunk, 14 novembre 2019. URL consultato il 17 marzo 2021 (archiviato il 20 ottobre 2020).
  2. ^ (DE) Toto and His Sisters, su Nuremberg International Human Rights Film Festival 2015. URL consultato il 17 marzo 2021 (archiviato il 28 febbraio 2021).
  3. ^ (DE) Stipendiatinnen/Stipendiaten 2006, su adk.de. URL consultato il 17 marzo 2021 (archiviato il 18 luglio 2015).
  4. ^ (RO) Documentarul "colectiv", regizat de Alexander Nanau, lansat în România, su Radio România Internațional, 7 marzo 2020. URL consultato il 18 marzo 2021 (archiviato l'8 maggio 2021).
  5. ^ (EN) Romanian documentary 'The World According to Ion B' gets Emmy Award, su Romania Insider, 23 novembre 2010. URL consultato il 18 marzo 2021 (archiviato l'8 maggio 2021).
  6. ^ (EN) ‘Nothingwood’ tribute to soaring happiness, crashing despair of Afghan director, su France 24, 23 maggio 2017. URL consultato il 18 marzo 2021 (archiviato il 12 novembre 2020).
  7. ^ (RO) "Colectiv", de Alexander Nanau, a fost ales cel mai bun documentar la Premiile Academiei Europene de Film], su AGERPRES, 13 dicembre 2020. URL consultato il 17 marzo 2021 (archiviato il 15 marzo 2021).
  8. ^ a b (EN) Mike Fleming Jr. e Patricia Hipes, Oscar Nominations: ‘Mank’ Tops List With 10 Including Best Picture; Six Other Films With Six – The Complete List, su Deadline Hollywood, 15 marzo 2021. URL consultato il 18 marzo 2021 (archiviato il 15 marzo 2021).
  9. ^ (EN) Tom Grater, BAFTA Voting Opens: Top Brass Discuss Diversity Tweaks & Pandemic Impact, su Deadline Hollywood, 12 gennaio 2021. URL consultato il 9 marzo 2021 (archiviato il 27 gennaio 2021).
  10. ^ Davide Stanzione, European Film Awards 2020: trionfa Un altro giro, miglior rivelazione l’italiano Sole, su Best Movie, 13 dicembre 2020. URL consultato il 13 dicembre 2020 (archiviato il 13 dicembre 2020).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN106887374 · ISNI (EN0000 0000 7635 7402 · LCCN (ENno2010008714 · GND (DE1061662780 · WorldCat Identities (ENlccn-no2010008714