Aldo Buttini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Aldo Buttini (Aulla, 6 dicembre 1898Carrara, 1º dicembre 1957) è stato uno scultore italiano.

Pugile con lo strigile, Foro Italico (Roma)

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Geminiano, antiquario, e da Elda Brunelli, partecipò alla I Guerra mondiale e fu decorato con la croce al merito. Dal 1922 al 1923 seguì i corsi dello scultore Carlo Fontana all'Accademia di Belle Arti di Carrara e fu allievo di Arturo Dazzi. Di carattere chiuso e insofferente alle regole, lasciò la scuola e aprì uno suo studio. A Carrara sposò Alma Dell'Amico. Nel 1927 scolpì La leva che finì nei giardini della romana villa Torlonia, abitata dalla famiglia Mussolini. Nel 1932 realizzò dieci delle sessantaquattro statue in marmo di Atleti, offerte dalle città capoluogo di provincia e destinate allo Stadio dei Marmi, al Foro Italico.

Sono opere su commissione, in cui la retorica, la semplificazione formale e la dimensione monumentale dovevano essere tali da esprimere energia fisica e morale. Cultore appassionato di Michelangelo, Aldo Buttini era dotato di grande perizia tecnica ed eseguì con correttezza il disegno anatomico. Artista fecondo, scolpì dodici statue colossali per Pittsburgh, partecipò a Biennali di Venezia, alla Mostra del ritratto a Firenze, alla Mostra d'arte sacra di Bergamo. Alla I Mostra del marmo, a Carrara, espose la Fontana di Venere - conosciuta anche come Frine - opera accademica, ma precisa per tecnica di esecuzione.

Dal 1935 fu docente di Ornato e figura modellata al liceo artistico di Carrara. Nel 1953, per un cimitero negli Stati Uniti eseguì una riproduzione in marmi policromi della Ultima cena di Leonardo, di cui in collezione privata esiste il bozzetto in terracotta colorata. Fino alla morte lavorò ad una colossale statua di Cristo - su bozzetto della scultrice cubana Jillma Madera - che era destinata a Cuba.

Dopo la morte dell'artista, nel suo studio di Carrara, sono stati ritrovati due altorilievi in marmi policromi: una Natività e un' Ultima cena.

Di suo figlio Paolo (1932-1957), pittore, si ricordano Autoritratto e Fratellanza universale, conservati alla Galleria d'arte moderna di Firenze.

Alcune opere[modifica | modifica wikitesto]

Pugile in guardia, Foro Italico (Roma)
  • Roma, Foro italico: Atleta (Fiume) 1932; Pugile in guardia (Chieti) 1932; Tennista (Ragusa) 1933; Lanciatore di giavellotto (Perugia) 1932; Saltatore con l'asta (Trieste); Atleta che saluta (Massa-Carrara); Atleta con l'asta, 1936; Pugile con strigile, 1938; Atleta giovane con gagliardetto; Atleta giovane con libro e moschetto.[1]
  • Roma, San Camillo, Ospedale della Maternità, ingresso al padiglione Sala: gruppo della Maternità e busto del Marchese Serafini.
  • La Spezia, Giardini pubblici: monumento al poeta Ceccardo Roccatagliata Ceccardi.
  • Novi Ligure: monumento al vescovo Antonio Martini.
  • Pontremoli, cattedrale: monumento funerario del vescovo Fiorini.
  • Carrara, Palazzo delle Poste, Frine, fontana di marmo bianco con vasca ornata da Amorini danzanti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La statua del Lanciatore di giavellotto, che faceva parte del coronamento architettonico dello Stadio dei marmi, progettato dall'architetto Enrico Del Debbio nel 1928, è andata perduta negli anni sessanta del Novecento. Ne è stata eseguita una riproduzione in marmo - basata su fotografie dell'originale - che è stata collocata sul posto nel 2006.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alberto Riccoboni, Roma nell'arte. La scultura nell'evo moderno: dal Quattrocento ad oggi, Roma, Mediterranea, 1942, p. 552, tav. 446 e 473, SBN IT\ICCU\LO1\0429222.
  • Mario Pieri, I marmi d'Italia: graniti e pietre ornamentali, Milano, U. Hoepli, 1964, pp. 207, 294 e 313, SBN IT\ICCU\SBL\0256471.
  • Wanna Allievi e Luca Pietro Nicoletti (a cura di), Aldo Buttini: la natività, l'ultima cena, Muggiò, Grafica&Stampa 86, 2013, SBN IT\ICCU\PAV\0073640.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN30697263 · GND: (DE132394146