Al-Hurr ibn Abd al-Rahman al-Thaqafi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Al-Ḥurr ibn ʿAbd al-Raḥmān al-Thaqafī (in arabo: الحر بن عبد الرحمن الثقفي‎; ... – ...) detto Alaor dalle cronache ispaniche, fu Wali omayyade di al-Andalus dal 716 al 719.

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Nipote di Mūsā b. Nuṣayr, fu nominato nel 716 wālī) di al-Andalus dal wālī d'Ifrīqiya, Muḥammad ibn Yazīd al-Qurashí.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Appena giunto in al-Andalus, con un seguito di 400 notabili di Ifrīqiya, spostò la sede emirale di al-Andalus da Siviglia a Cordova, che rimase capitale sino a che il califfo omayyade, Hishām III, fu deposto, nel 1031.

Nella primavera del 717 iniziò la campagna annuale ( ṣayfa ), marciando sulla parte orientale della provincia Tarragonese, dove riuscì a sottomettere alcuni governatori visigoti che colà resistevano dopo la disfatta di re Rodrigo.
Risalì l'Ebro, sottomettendo diverse città, tra cui Pamplona.

Nel 718 tornò a marciare contro i Visigoti della Tarragonese obbligando i governatori visigoti, leali al loro re Ardo, a ritirarsi (probabilmente in questa occasione al-Ḥurr fu il primo Wālī di al-Andalus ad attraversare i Pirenei) ed a rifugiarsi in Settimania o nel regno dei Franchi (dagli arabi chiamati Ifranj, mentre i Goti erano conosciuti come Isbāniyyūn).
Sembra che questi ultimi sottoscrivessero un importante documento che trasferiva al dominio del regno dei Franchi la regione a sud dei Pirenei (quella che diverrà la Catalogna).

Nella primavera del 719 al-Ḥurr - che si era contraddistinto per una politica assai dura verso i suoi sudditi - fu sostituito dal nuovo wālī, al-Samḥ b. Mālik al-Khawlānī, arrivato da Damasco, dopo aver ricevuto la nomina direttamente dal califfo omayyade ʿUmar ibn ʿAbd al-ʿAzīz (717-720).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • C. H. Becker, L'espansione dei saraceni in Africa e in Europa, in Storia del mondo medievale, vol. II, Garzanti, 1999, pp. 70–96.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Wālī di al-Andalus Successore
Ayyūb b. Ḥabīb al-Lakhmī 716719 al-Samḥ b. Mālik al-Khawlānī