Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

al-Qayrawan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search


al-Qayrawan
municipalità
القيروان
al-Qayrawan – Veduta
La città nel 1899.
Localizzazione
StatoTunisia Tunisia
Governatoratoal-Qayrawan
DelegazioneNon presente
Amministrazione
SindacoMustapha Houcine
Territorio
Coordinate35°40′12″N 10°05′24″E / 35.67°N 10.09°E35.67; 10.09 (al-Qayrawan)Coordinate: 35°40′12″N 10°05′24″E / 35.67°N 10.09°E35.67; 10.09 (al-Qayrawan)
Altitudine68 m s.l.m.
Abitanti117 903 (2004)
Altre informazioni
Linguearabo; francese
Cod. postale3100
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Tunisia
al-Qayrawan
al-Qayrawan
Sito istituzionale
UNESCO white logo.svg Bene protetto dall'UNESCO
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
al-Qayrawan
(EN) Kairouan
Kairouan-mosquee-cimetiere.jpg
TipoCulturali
Criterio(i) (ii) (iii) (v) (vi)
PericoloNon in pericolo
Riconosciuto dal1988
Scheda UNESCO(EN) Scheda
(FR) Scheda

al-Qayrawan (o, alla francese e all'inglese, Kairouan; in arabo: القيروان‎, al-Qayrawān) è l'odierna città della Tunisia che, nel periodo califfale islamico, fu la capitale del governatorato (wilāya) dell'Ifrīqiya.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fu fondata nel 670 dagli arabi musulmani.

La città perse proprio in periodo aghlabide il suo ruolo di capitale, a vantaggio di Raqqāda, fin quando l'Ifrīqiya fu conquistata all'inizio del X secolo dai Fatimidi.

Già nel corso del dominio fatimide la regione ifriqiyana fu governata dalla dinastia ziride, inizialmente vassalli dei Fatimidi e che, quando si resero di fatto indipendenti, dovettero subire le devastanti incursioni dei nomadi arabi Banū Hilāl e Banū Sulaym, mandati in segno di rappresaglia dai Fatimidi.

Nel 1988 l'UNESCO ha inserito la città tra i patrimoni dell'umanità.

Grande Moschea di Qayrawan[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Grande moschea di Qayrawan.

La città è considerata particolarmente venerabile dai musulmani per la presenza della più antica moschea del Maghreb, la Grande moschea di Qayrawan, eretta nel VII secolo (I secolo del calendario islamico) dal conquistatore arabo ʿUqba ibn Nāfiʿ ("Sīdī ʿOqba", lett. "Signor mio (Sayyidī) ʿOqba [b. Nāfi']") e per la Moschea del Barbiere del profeta Muhammad ("Sīdī Ṣaḥbī", lett. "Signor mio Compagno [del Profeta]").

Opere idrauliche[modifica | modifica wikitesto]

Qayrawān conserva anche due grandi invasi idrici (i cosiddetti "bacini aghlabidi"), allestiti per l'appunto nel periodo in cui l'Ifrīqiya fu governatorato ereditario della dinastia aghlabide, la stessa che organizzò la conquista islamica della Sicilia nell'827 d.C.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

L'area di al-Qayrawān è stata utilizzata come set nelle scene di alcuni film, tra cui I predatori dell'arca perduta per simulare Il Cairo.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4029239-3 · BNF (FRcb11938055p (data)