Adorabili e bugiarde

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Adorabili e bugiarde
Adorabili e bugiarde.jpg
Isabelle Corey, Eloisa Cianni e Ingeborg Schöner
Titolo originale Adorabili e bugiarde
Lingua originale Italiano
Paese di produzione Italia
Anno 1958
Durata 88 min
Dati tecnici B/N
Genere commedia
Regia Nunzio Malasomma
Soggetto Nunzio Malasomma,
Alessandro Continenza,
Alfredo Angeli,
Giuseppe Mariani
Sceneggiatura Nunzio Malasomma,
Alessandro Continenza,
Alfredo Angeli,
Giuseppe Mariani
Fotografia Tonino Delli Colli
Montaggio Jolanda Benvenuti
Musiche Lelio Luttazzi
Scenografia Alberto Boccianti
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Adorabili e bugiarde è un film del 1958 diretto da Nunzio Malasomma.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Marisa, Paola e Anna sono tre belle ragazze (un'indossatrice, una giornalista e una pittrice) insoddisfatte delle loro professioni e in cerca di visibilità. Per ottenerla decidono di inscenare un rapimento per attirare l'attenzione della stampa: al termine l'inganno verrà scoperto, ma le tre donne otterranno ugualmente dei vantaggi.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film era stato annunciato col titolo di Ragazze-brivido[1]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

« [...] L'insieme della piccola avventura mostra, tra lungaggini, una certa esteriore brillantezza, che non è però tale da annullare o mascherare l'artificio palese dell'impianto e dello svolgimento. È inutile che Nunzio Malasomma tenti, con una regia seria, di dare attendibilità a questa futile commediola degli intrighi e degli inganni, perché è troppo evidente, ed anche logico, che a non credere a quel che narra il primo è lui. Gli attori maschi di prima fila sono Franco Fabrizi, Rik Battaglia, Roberto Risso; tuttavia il migliore è uno di seconda, ossia l'ameno Nino Manfredi, in coppia con Paolo Ferrari. »
(Critica de La Stampa del 29 agosto 1958[2])

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema