Adenium obesum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Come leggere il tassoboxProgetto:Forme di vita/Come leggere il tassobox
Come leggere il tassobox
Adenium obesum
Adenium obesum
Stato di conservazione
Rischio minimo[1]
Classificazione APG IV
DominioEukaryota
RegnoPlantae
(clade)Angiosperme
(clade)Mesangiosperme
(clade)Eudicotiledoni
(clade)Eudicotiledoni centrali
(clade)Superasteridi
(clade)Asteridi
(clade)Euasteridi
(clade)Lamiidi
OrdineGentianales
FamigliaApocynaceae
SottofamigliaApocynoideae
TribùNerieae
SottotribùNeriinae
GenereAdenium
SpecieA. obesum
Classificazione Cronquist
DominioEukaryota
RegnoPlantae
DivisioneMagnoliophyta
ClasseMagnoliopsida
SottoclasseAsteridae
OrdineGentianales
FamigliaApocynaceae
GenereAdenium
SpecieA. obesum
Nomenclatura binomiale
Adenium obesum
(Forssk.) Roem. & Schult., 1819

Adenium obesum (Forssk.) Roem. & Schult., 1819 è una specie velenosa di pianta da fiore appartenente alla famiglia Apocynaceae[2]. È nota col nome di rosa del deserto.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

È un arbusto succulento sempreverde o deciduo da siccità (che può anche perdere le foglie durante le ondate di freddo, o secondo la sottospecie o cultivar). Può crescere fino a 1–3 m (3,3–9,8 piedi) di altezza, con steli pachicauli e un caudice basale robusto e gonfio. Le foglie sono disposte a spirale, raggruppate verso le punte dei germogli, semplici intere, di consistenza coriacea, lunghe 5–15 cm (2,0–5,9 pollici) e larghe 1–8 cm (0,39–3,15 pollici). I fiori sono tubolari, lunghi 2–5 cm (0,79–1,97 pollici), con la parte esterna di 4–6 cm (1,6–2,4 pollici) di diametro con cinque petali, simili a quelli di altri generi correlati come Plumeria e Nerium. I fiori tendono al rosso e al rosa, spesso con un rossore biancastro all'esterno della gola.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

È originaria delle regioni del Sahel a sud del Sahara (dalla Mauritania e dal Senegal al Sudan), dell'Africa tropicale e subtropicale orientale e meridionale e anche della penisola arabica.

Usi[modifica | modifica wikitesto]

Adenium obesum produce una linfa nelle sue radici e steli che contiene glicosidi cardiocinetici. Questa linfa è usata come veleno per le frecce per cacciare selvaggina di grandi dimensioni in gran parte dell'Africa e come tossina per i pesci.

Coltivazione[modifica | modifica wikitesto]

Adenium obesum è una pianta da appartamento e bonsai nelle regioni temperate. Richiede una posizione soleggiata e una temperatura interna minima in inverno di 10 °C (50 °F). Vive con un regime di irrigazione xerico come richiesto dai cactus. A. obesum viene tipicamente propagato per talea di semi o steli. I numerosi ibridi si propagano principalmente per innesto su portainnesto a piantina. Mentre le piante coltivate da seme hanno maggiori probabilità di avere il caudice gonfio in giovane età, con il tempo molte piante cresciute da talea non possono essere distinte dalle piantine. Come molte piante, anche l'Adenium obesum può essere propagato in vitro utilizzando colture di tessuti vegetali.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Adenium obesum, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2020.2, IUCN, 2020. URL consultato il 14 novembre 2023.
  2. ^ (EN) Adenium obesum, su Plants of the World Online, Royal Botanic Gardens, Kew. URL consultato il 14 novembre 2023.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica