Acer maximowiczianum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Acer maximowiczianum
Acer maximowiczianum1.jpg
Foglie di Acer maximowiczianum in autunno
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Sapindales
Famiglia Aceraceae
Genere Acer
Specie Acer maximowiczianum
Nomenclatura binomiale
Acer maximowiczianum
Miq.
Sinonimi

Acer nikoense

Acer maximowiczianum (sinonimo: A. nikoense Maxim.) è una specie di acero largamente diffuso in Cina (Anhui, Hubei, Hunan, Jiangxi, Sichuan, Zhejiang) e in Giappone (Honshū, Kyūshū, Shikoku).[1][2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

È un albero deciduo slanciato, che può raggiungere un'altezza dal suolo anche da 15 a 20 m ma solitamente è più basso.[3] Si tratta di un acero trifoliate come alter specie quali l'Acer triflorum e l'Acer griseum, ma ha una corteccia nerastra diversa da quella sfogliante di entrambe le altre due.[3]

Le foglie hanno un picciolo da 3 a 5 cm e tre foglioline, lunghe da 3 a 6 cm e larghe da 3 a 6 cm, con densa e soffice pubescenza e margini lisci. I duri e orizzontalmente estendentisi frutti sono lunghi da 3,5 a 6 cm e larghi 1,2 cm e hanno le stesse tendenze partenocarpe di quelli dell'A. griseum.[1][3]

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Le popolazioni cinesi sono spesso trattate come sottospecie A. maximowiczianum subsp. megalocarpum (Rehder) A.E. Murray, ma ciò non è riconosciuto come distinto da parte di Flora of China.[1]

Molti testi fanno riferimento a questa specie con il sinonimo A. nikoense Maxim., ma siccome Maksimovič ne ha anche citato come sinonimo il nome Negundo nikoense Miq., il suo nome doveva essere visto come il medesimo sotto lo ICBN. Miquel ha sottolineato che il suo Negundo nikoense era in realtà una pianta diversa da quella di cui Maximowicz aveva inteso descrivere e quindi le aveva dato un nuovo nome in onore di Maximowicz.[4]

Coltivazione[modifica | modifica wikitesto]

L'Acer maximowiczianum fu coltivato per la prima volta nel 1881, allorché i semi vennero importati dal vivaio Veitch in Inghilterra,[5] dopo chef u scoperto da Charles Maries nelle foreste dell'Hokkaidō.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Xu, T.-z., Chen, Y., de Jong, P. C., & Oterdoom, H. J. Flora of China: Aceraceae (draft) Archiviato il 25 settembre 2006 in Internet Archive.
  2. ^ (JA) Shu Suehiro: Acer maximowiczianum
  3. ^ a b c van Gelderen, C.J. & van Gelderen, D.M. (1999). Maples for Gardens: A Color Encyclopedia.
  4. ^ (EN) Clarke, D. L. (1988), in Bean, W. J. Trees and Shrubs Hardy in the British Isles, 8th ed., Supplement.
  5. ^ (EN) Bean, W. J. (1970). Trees and Shrubs Hardy in the British Isles, 8th ed.
  6. ^ (EN) Peter Barnes, Japan’s botanical sunrise – plant exploration around the Meiji Restoration, www.barnes-botany.co.uk. URL consultato il 19 ottobre 2008 (archiviato dall'url originale il 10 ottobre 2008).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica