A doppia faccia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
A doppia faccia
A doppia faccia - Kinski.jpg
Klaus Kinski in una scena del film
Titolo originaleA doppia faccia
Paese di produzioneItalia, Germania Ovest
Anno1969
Durata88 min
Generethriller
RegiaRiccardo Freda (come Robert Hampton)
SoggettoLucio Fulci, Romano Migliorini, Gianbattista Mussetto (dal romanzo The Face in the Night di Edgar Wallace)
SceneggiaturaRiccardo Freda (come Robert Hampton), Paul Hengge
ProduttoreOreste Coltellacci
Casa di produzioneColt Produzioni Cinematografiche, Mega Film, Rialto Film Preben Philippsen
Distribuzione (Italia)Panta
FotografiaGábor Pogány
MontaggioAnna Amedei, Jutta Hering
MusicheNora Orlandi
ScenografiaLuciano Spadoni
CostumiLuciano Spadoni
TruccoVittorio Biseo
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali

A doppia faccia è un film del 1969 diretto da Riccardo Freda. La sceneggiatura, scritta da Freda con la collaborazione di Lucio Fulci, è ispirata a un racconto di Edgar Wallace.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

A due anni dal matrimonio, il rapporto tra John Alexander ed Helen è in crisi. La donna infatti sembra essere più interessata all'amica Liz che al marito. Helen possiede il 90 per cento delle quote dell'azienda di famiglia, presso la quale lavora anche John, il quale, in caso di morte della moglie, erediterebbe tutto, lasciando il padre di lei a bocca asciutta. Quando Helen muore tragicamente in un incidente d'auto, John eredita dunque l'intera azienda. Dopo alcuni mesi John vede per caso un film a luci rosse - girato solo pochi giorni prima - nel quale recita una donna velata che ha un segno sul collo uguale a quello che aveva sua moglie. Convinto che si tratti della moglie, si mette all ricerca della donna, che si fa chiamare La Contessa. La donna misteriosa dà appuntamento a John in una chiesa, e rivela di essere Helen e di essersi nascosta per non dovere mostrare in giro il volto sfigurato. La donna implora John di ucciderla, ma John le toglie la maschera all'improvviso e scopre che sotto si cela Liz. Quest'ultima, d'accordo con il suocero di John, aveva messo in piedi la messinscena per mandare in galera lo stesso John e impadronirsi dell'azienda.

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Nella colonna sonora viene più volte ripreso il brano "Non dirmi una bugia" cantato da Silvia Saint Laurent. Marco Giusti, nel suo "Dizionario dei film italiani stracult", lo giudica un "thriller di grande presa"[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Marco Giusti, Dizionario dei film italiani stracult. Sperling & Krupfer, 1998, p. 5

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema