23P/Brorsen-Metcalf

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cometa
23P/Brorsen-Metcalf
Scoperta 20 luglio 1847
Scopritore Theodor Brorsen e Joel Metcalf
Designazioni
alternative
1847 O1; 1847 V;
1919 Q1; 1919 III; 1919b;
1989 N1; 1989 X; 1989o
Parametri orbitali
(all'epoca 1º ottobre 1989)
Semiasse maggiore 17,069 UA
Perielio 0,478 UA
Periodo orbitale 70,52 anni
Inclinazione orbitale 19,33°
Eccentricità 0,972
Par. Tisserand (TJ) 1,109 (calcolato)
Ultimo perielio 11 settembre 1989
Prossimo perielio 8 giugno 2059
Dati osservativi
Magnitudine app.
5 c. (max)

La cometa Brorsen-Metcalf, formalmente 23P/Brorsen-Metcalf, è una cometa periodica del Sistema solare, appartenente alla famiglia cometaria della cometa di Halley[1]. Fu scoperta la prima volta dall'astronomo danese Theodor Brorsen (dall'Osservatorio di Altona, ad Amburgo, in Germania) il 20 luglio 1847, ed indipendentemente anche dall'astronomo svizzero Kaspar Schweizer (dall'Osservatorio universitario di Mosca) l'11 agosto dello stesso anno. Fu quindi predetto che la cometa sarebbe tornata tra il 1919 e il 1922.

Il 21 agosto 1919, la cometa fu recuperata dal Reverendo Joel Hastings Metcalf (dall'Osservatorio di Camp Idlewild, nel Vermont) come un oggetto dell'ottava magnitudine. Nello stesso anno, scoperte indipendenti furono fatte da Edward Barnard (dall'Osservatorio Yerkes, nel Wisconsin) il 22 agosto; da Michel Giacobini (dall'Osservatorio di Parigi); da Ostrovlev (dall'Osservatorio di Feodosia, in Crimea) e da Selavanov (dall'Osservatorio di Pulkovo, vicino a San Pietroburgo). Per la fine di settembre del 1919 fu confermato che si trattava della stessa cometa scoperta da Brorsen.

Nel 1989 la cometa ha raggiunto il perielio l'11 settembre dopo esser transitata a 0,62 UA dalla Terra il 7 agosto. In questo periodo la cometa ha raggiunto una magnitudine apparente massima prossima alla quinta.

L'orbita della cometa attraversa quella della maggior parte dei pianeti: il suo perielio è infatti interno all'orbita di Venere, mentre il suo afelio è esterno all'orbita di Plutone. È stato calcolato che la cometa sia transitata in prossimità di alcuni pianeti nel corso del Novecento: oltre al già citato incontro con la Terra del 7 agosto 1989, ce ne sono stati uno con Saturno quando il 4 agosto 1901 la cometa è transitata a 1,68 UA dal pianeta ed uno ancora con la Terra il 6 settembre 1919, quando la distanza tra i due corpi è stata di 0,20 UA.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) List of Jupiter-Family and Halley-Family Comets, su physics.ucf.edu. URL consultato il 7 settembre 2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

V · D · M
La cometa di Halley

Precedente: 22P/Kopff      Successiva: 24P/Schaumasse


Grande Cometa con m < 0 : C/390 Q1C/1132 T1C/1532 R1C/1556 D1C/1664 W1C/1665 F1C/1975 V1C/1995 O1
con m < -2 : HalleyC/1402 D1C/1471 Y1C/1577 V1C/1743 X1C/1843 D1C/1882 R1C/2006 P1
Famiglie cometarie Comete halleidiComete giovianeComete della fascia principaleComete quasi-Hilda
Studio STRUTTURA: Nucleo · Chioma · CodaESPLORAZIONE: 9P/Tempel · 67P/Churyumov-Gerasimenko
Altro Cometa periodica (SOHO) • Cometa non periodicaCometa radente (di Kreutz) • Cometa perduta (Shoemaker-Levy 9) • Cometa interstellare
Sistema solare Portale Sistema solare: accedi alle voci di Wikipedia sugli oggetti del Sistema solare