C/1843 D1

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cometa
C/1843 D1
Illustrirte Zeitung (1843) 04 015 1 Komet gesichtet von Capitain G Stains auf der William Fulcher von Sidney kommend.PNG
Stella madreSole
Designazioni
alternative
Grande Cometa del 1843, Grande Cometa di marzo, 1843 I, 1843 D1
Parametri orbitali
(all'epoca primavera 1843)
Semiasse maggiore78 UA
Perielio.005460 UA
Afelio156 UA
Periodo orbitale600-800 anni[1]
Inclinazione orbitale144.4°
Eccentricità0.99993
Ultimo perielio27 febbraio 1843
Prossimo perielioN/A

C/1843 D1, anche nota come la Grande Cometa del 1843 e precedentemente designata come 1843 D1 e 1843 I, fu una Grande Cometa che apparve verso il 5 febbraio 1843 e divenne molto luminosa nel mese di marzo (venne anche nominata Grande cometa di marzo). Si tratta di un membro delle comete radenti di Kreutz, una famiglia di comete nate dalla frammentazione di una cometa di grandi dimensioni, probabilmente la X/1106 C1 del 1106[1]. Queste comete si avvicinano molto al Sole e, di conseguenza, diventano molto brillanti.

Charles Piazzi Smyth: Vista di giorno di Table Bay con la Grande Cometa del 1843
Charles Piazzi Smyth: La Grande cometa del 1843 (nel quadro si apprezza la lunghezza della coda)

Osservazioni[modifica | modifica wikitesto]

Osservata per la prima volta all'inizio di febbraio 1843, la cometa ebbe un perielio molto ravvicinato a 830 000 km il 27 febbraio[1]. In quei giorni, poteva essere vista in pieno giorno, a circa un grado dal Sole[2]. Il passaggio più vicino alla Terra avvenne il 6 marzo, toccando il giorno successivo, il suo punto di maggior luminosità, visibile principalmente dall'emisfero australe. L'ultimo suo avvistamento fu il 19 aprile 1843, dopo essere stato l'oggetto che, fino ad allora, si era ravvicinato maggiormente al Sole.

La Grande Cometa del 1843 sviluppò una coda di incredibili dimensioni durante e dopo il suo passaggio al perielio. Lunga più di due unità astronomiche, fu la cometa con la coda più lunga fino a quando non venne misurata la coda della cometa Hyakutake nel 1996, che era quasi due volte più lunga.

Orbita[modifica | modifica wikitesto]

L'orbita periodica della cometa è stata più volte stimata, con risultati variabili: 512 ± 105 anni (secondo i lavori di Kreutz del 1901), 654 ± 103 anni[1], 688 anni (JPL Horizons: soluzione basata sull'epoca baricentrica del 1852)[1] e 742 anni (identificando la cometa con la Grande Cometa del 1106)[1]. In ogni modo, C/1843 D1 è stata osservata solamente su un periodo di 45 giorni – dal 5 marzo al 19 aprile – e il limitato numero di dati non permette una valutazione che vada oltre un periodo orbitale compreso fra 600 e 800 anni.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g Zdenek Sekanina, Paul W. Chodas, A New Orbit Determination for Bright Sungrazing Comet of 1843, in Astrophysical Journal, vol. 687, nº 2, 2008, pp. 1415–1422, DOI:10.1086/592081.
  2. ^ Donald K. Yeomans, Great Comets in History, Jet Propulsion Laboratory/California Institute of Technology (Solar System Dynamics), aprile 2007. URL consultato il 2 febbraio 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

V · D · M
La cometa di Halley
Grande Cometa con m < 0 : C/390 Q1C/1132 T1C/1532 R1C/1556 D1C/1664 W1C/1665 F1C/1975 V1C/1995 O1
con m < -2 : HalleyC/1402 D1C/1471 Y1C/1577 V1C/1743 X1C/1843 D1C/1882 R1C/2006 P1
Famiglie cometarie Comete halleidiComete giovianeComete della fascia principaleComete quasi-Hilda
Studio STRUTTURA: Nucleo · Chioma · CodaESPLORAZIONE: 9P/Tempel · 67P/Churyumov-Gerasimenko
Altro Cometa periodica (SOHO) • Cometa non periodicaCometa radente (di Kreutz) • Cometa perduta (Shoemaker-Levy 9) • Cometa interstellare
Sistema solare Portale Sistema solare: accedi alle voci di Wikipedia sugli oggetti del Sistema solare