209P/LINEAR

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando le altre comete denominate LINEAR, vedi Comete scoperte dal progetto LINEAR.
Cometa
209P/LINEAR
Stella madre Sole
Scoperta 30 marzo 2004
Scopritore LINEAR
Designazioni
alternative
2004 CB,
P/2004 CB (LINEAR),
P/2008 X2 (LINEAR),
LINEAR 41
Parametri orbitali
(all'epoca 2454945,5
24 aprile 2009[1])
Semiasse maggiore 2,938 UA
Perielio 0,914 UA
Afelio 4,962 UA
Periodo orbitale 5,03 anni
Inclinazione orbitale 19,149°
Eccentricità 0,6890
Longitudine del
nodo ascendente
66,448°
Argom. del perielio 149,733°
Par. Tisserand (TJ) 2,800 (calcolato)
Ultimo perielio 6 maggio 2014
Prossimo perielio 12 giugno 2019[2]
MOID da Terra 0.0384 UA
Dati osservativi
Magnitudine app.
16,7a (magnitudine)[3] (max)

Magnitudine ass.

16,3 (totale)
19,8 (del nucleo)

209P/LINEAR è una cometa periodica appartenente alla famiglia delle comete gioviane scoperta dal programma LINEAR. Al momento della scoperta il 3 febbraio 2004[4] fu ritenuta un asteroide; in seguito Robert McNaught, grazie ad immagini riprese il 30 marzo 2004, ha scoperto che in effetti si trattava di una cometa[5].

Il 29 maggio 2014 la cometa è transitata a circa 8,3 milioni di km dalla Terra[6]: la piccola distanza farà sì che la cometa si muova a una velocità di circa 10° al giorno.

La cometa e le Cameloparditi di maggio[modifica | modifica wikitesto]

La cometa ha una MOID di 0,0033 UA, pari a circa 494.000 km[2]: questa piccola distanza fa sì che la cometa dia origine a uno sciame meteorico, le Cameloparditi di maggio, con un picco attorno al 24 maggio con un radiante posto nelle vicinanze delle coordinate celesti 08 H 10 M, + 79°, corrispondenti a un punto situato nella costellazione della Giraffa, adiacente al confine con la costellazione dell'Orsa Maggiore. Lo sciame, ancora da confermare, avrebbe meteore con una velocità geocentrica di 16,2 km/s[7].

Nel 2014 la cometa ha attraversato il nodo discendente circa 7-8 giorni prima della Terra mentre un'orbita dopo, nel 2019 attraverserà lo stesso nodo 4-5 giorni dopo la Terra: in queste due occasioni c'è la possibilità che si manifestino discrete piogge meteoriche. Le previsioni per il 24 maggio 2014 è stata di una pioggia meteorica fino a 200-300 ZHR, per il 24 maggio 2019 fino a 50-100 ZHR, in entrambe le date le meteore appartenenti a questo sciame dovrebbero essere discretamente luminose[8].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

V · D · M
La cometa di Halley

Precedente: 208P/McMillan      Successiva: 210P/Christensen


Grande Cometa con m < 0 : C/390 Q1C/1132 T1C/1532 R1C/1556 D1C/1664 W1C/1665 F1C/1975 V1C/1995 O1
con m < -2 : HalleyC/1402 D1C/1471 Y1C/1577 V1C/1743 X1C/1843 D1C/1882 R1C/2006 P1
Famiglie cometarie Comete halleidiComete giovianeComete della fascia principaleComete quasi-Hilda
Studio STRUTTURA: Nucleo · Chioma · CodaESPLORAZIONE: 9P/Tempel · 67P/Churyumov-Gerasimenko
Altro Cometa periodica (SOHO) • Cometa non periodicaCometa radente (di Kreutz) • Cometa perduta (Shoemaker-Levy 9) • Cometa interstellare
Sistema solare Portale Sistema solare: accedi alle voci di Wikipedia sugli oggetti del Sistema solare