(182294) 2001 KU76

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.png
Il titolo di questa pagina non è corretto per via delle caratteristiche del software MediaWiki. Il titolo corretto è (182294) 2001 KU76.
(182294) 2001 KU76
Scoperta 24 maggio 2001
Scopritore Marc W. Buie[1]
Classificazione Oggetto transnettuniano risonante
Designazioni
alternative
2001 KU76
Parametri orbitali
(all'epoca K172G)
Semiasse maggiore 6 779 572 860 km
45,3180004 UA
Perielio 5 639 294 133 km
37,6958164 UA
Afelio 7 919 851 586 km
52,9401844 UA
Periodo orbitale 111430,61 giorni
(305,08 anni)
Inclinazione
sull'eclittica
10,63093°
Eccentricità 0,1681933
Longitudine del
nodo ascendente
44,97543°
Argom. del perielio 204,50059°
Anomalia media 355,71593°
Par. Tisserand (TJ) 5,833 (calcolato)
Satelliti no
Dati fisici
Dimensioni 211 km (assunto)[2]
Albedo 0,09 (assunta)[2]
Dati osservativi
Magnitudine app.
21,7[3] (min)
Magnitudine ass. 6,6

(182294) 2001 KU76 è un oggetto transnettuniano (TNO) risonante, con risonanza di 11:6 con Nettuno.[4] Il valore è prossimo a quello proprio anche del pianeta nano Makemake.[5]

Quando nel 2021 raggiungerà il perielio, si troverà a 37,69 UA dal Sole.[1]

Per l'oggetto è stata stimata una magnitudine assoluta di 6,6.[1] Assumendo un'albedo di 0,09 (valore tipicamente adottato per un TNO), il suo diametro è stato stimato in 211 km.[2]

Le librazioni di 2001 KU76. Nettuno è il punto bianco (stazionario), in corrispondenza delle 5 di un orologio. Il moto relativo di Urano è in blu, quello di Saturno in giallo e quello di Giove in rosso.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) 182294 (2001 KU76), in Small-Body Database Browser, Jet Propulsion Laboratory (JPL), 3 maggio 2008 (Ultima osservazione utilizzata). URL consultato il 30 giugno 2011.
  2. ^ a b c (EN) Wm. Robert Johnston, List of Known Trans-Neptunian Objects, Johnston's Archive, 22 agosto 2008. URL consultato il 30 giugno 2011.
  3. ^ (EN) Marc W. Buie, Orbit Fit and Astrometric record for 182294, SwRI (Space Science Department), 3 maggio 2008 (Ultima osservazione utilizzata). URL consultato il 30 giugno 2011.
  4. ^ (EN) P.S. Lykawka, Mukai, T., Dynamical classification of trans-neptunian objects: Probing their origin, evolution, and interrelation, in Icarus, vol. 189, nº 1, 2007, pp. 213–232, DOI:10.1016/j.icarus.2007.01.001.
  5. ^ Tony Dunn, Possible resonances of Eris (2003 UB313) and Makemake (2005 FY9), Gravity Simulator. URL consultato il 26 giugno 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

V · D · M
Asteroidi del sistema solare
L'asteroide 951 Gaspra
Pianeti nani CererePlutoidi: Plutone ( ) · Haumea ( ) · Makemake ( ) · Eris ( )
Raggruppamenti asteroidali VulcanoidiNEA (Apollo · Aten · Amor) • Fascia principale • Planetosecanti (Mercurio · Venere · Terra · Marte · Giove · Saturno · Urano · Nettuno) • Troiani (della Terra · di Marte · di Giove · di Nettuno) • CentauriTNO (Fascia di KuiperPlutini · Cubewani · Twotini – · Disco diffuso) • Gruppi e famiglie (Famiglie collisionali)
Classi spettrali Tholen: B · F · G · C · S · X · M · E · P · A · D · T · Q · R · VSMASS: C · B · S · A · Q · R · K · L · X · T · D · Ld · O · V
Altro Asteroidi principaliLista completaSatelliti asteroidaliAsteroidi binariFamiglie asteroidali
Sistema solare Portale Sistema solare: accedi alle voci di Wikipedia sugli oggetti del Sistema solare