Zeta Aurigae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Zeta Aurigae A / B
Il contrasto tra il colore arancione di ζ Aurigae, a destra, con quello azzurro della vicina η Aurigae.Il contrasto tra il colore arancione di ζ Aurigae, a destra, con quello azzurro della vicina η Aurigae.
Classificazione Binaria a eclisse
Classe spettrale K4Ib / B7V
Tipo di variabile Variabile Algol
Periodo di variabilità 972,15 giorni
Distanza dal Sole 781 anni luce
Costellazione Auriga
Coordinate
(all'epoca J2000)
Ascensione retta 5h 02m 28,7s
Declinazione +41° 04′ 33″
Dati fisici
Diametro medio 208 500 000 km
Raggio medio 148 / 4,5 R
Massa
5,8 / 4,8 M
Periodo di rotazione 900 / 1,1 giorni
Velocità di rotazione 0,85 / 20 km/s
Temperatura
superficiale
3.950 / 15.300 K (media)
Luminosità
4800 / 960[1] L
Indice di colore (B-V) 1.22
Età stimata 80 milioni di anni[1]
Dati osservativi
Magnitudine app. +3,77 (media combinata)
Magnitudine ass. -5,72 (combinata) A:-3,5 B:-1,6
Parallasse 4.15 mas
Moto proprio AR: 9.45 mas/anno
Dec: -20,71 mas/anno
Velocità radiale 12.8 km/s
Nomenclature alternative
Haedi, Haedus, Hoedus I, Azaleh, Sadatoni, Saclateni, ζ Aur, 8 Aur, HR 1612, HD 32068, BD+40°1142A, FK5 1137, HIP 23453, SAO 39966, GC 6137, CCDM 05025+4105

Zeta Aurigae (ζ Aur / ζ Aurigae) è una stella binaria a eclisse della costellazione dell'Auriga di magnitudine apparente +3,77 e distante 781 anni luce dal sistema solare. Possiede anche i nomi tradizionali di Haedi, Azaleh, Sadatoni e Saclateri.

Osservazione[modifica | modifica sorgente]

Mappa della costellazione dell'Aurigae.

Si tratta di una stella situata nell'emisfero celeste boreale. La sua posizione moderatamente boreale fa sì che questa stella sia osservabile specialmente dall'emisfero nord, in cui si mostra alta nel cielo nella fascia temperata; dall'emisfero australe la sua osservazione risulta invece più penalizzata, specialmente al di fuori della sua fascia tropicale. Essendo di magnitudine 3,77 la si può osservare anche dai piccoli centri urbani senza difficoltà, sebbene un cielo non eccessivamente inquinato sia maggiormente indicato per la sua individuazione.

Il periodo migliore per la sua osservazione nel cielo serale ricade nei mesi compresi fra fine ottobre e aprile; nell'emisfero nord è visibile anche per un periodo maggiore, grazie alla declinazione boreale della stella, mentre nell'emisfero sud può essere osservata limitatamente durante i mesi dell'estate australe.

Caratteristiche fisiche[modifica | modifica sorgente]

Zeta Aurigae è una binaria ad eclisse, che varia da magnitude +3,70 a +3,97 in un periodo di 972 giorni[2], che equivale al periodo orbitale delle 2 stelle attorno al comune centro di massa, mentre la distanza fra le 2 stelle varia da 2,5 a 5,9 U.A.. L'inclinazione del piano orbitale del sistema di 3º rispetto alla linea di vista produce un'eclissi quando la stella azzurra viene occultata dietro alla supergigante, causando un calo nella luminosità totale del sistema di 0,15 magnitudini.

La stella principale del sistema è una supergigante rossa, circa 200 volte più grande del Sole e quasi 6 volte più massiccia; la compagna è una calda stella di classe spettrale B8V con una massa circa 5 volte quella solare ed un raggio anch'esso 5 volte superiore[1]. Considerando che la supergigante emette luce soprattutto nell'infrarosso e la stella azzurra nell'ultravioletto, e considerando anche queste lunghezze d'onda, le due stelle sono rispettivamente 4800 e 960 volte quella del Sole.

Secondo i modelli teorici il sistema pare avere circa 80 milioni di anni di età, la supergigante è entrata ormai nella sua ultima parte di vita, e in tempi relativamente brevi diventerà un piccola e densa nana bianca.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Philip Bennet, Graham Harper, The masses and radii of eclipsing binary Z Aurigae in The Astrophysical Journal, vol. 471, novembre 1996, pp. 454-479. DOI:10.1086/177981.
  2. ^ General Catalogue of Variable Stars (Samus+ 2007-2012)

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

stelle Portale Stelle: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di stelle e costellazioni