Zemene Mesafint

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Zemene Mesafint (nome in lingua ge'ez, tradotto talvolta come "Era dei Giudici", con riferimento al Libro dei Giudici, ma anche come "Era dei Principi") fu un periodo della storia d'Etiopia compreso fra il XVIII secolo e il XIX secolo, in cui il paese fu teatro di una grande instabilità politica e di frequenti conflitti. In quest'epoca, il potere dell'imperatore era fortemente circoscritto, e numerosi signori della guerra si contendevano il controllo del territorio. La contrapposizione fra la Chiesa ortodossa etiopica e l'Islam fu spesso pretesto per questi conflitti.

Collocazione temporale[modifica | modifica wikitesto]

Tradizionalmente, l'inizio della Zemene Mesafint viene fatto coincidere con la deposizione dell'imperatore Iyoas I d'Etiopia a opera del ras Mikael Sehul (1º maggio 1769); alcuni storici lo riconducono invece all'incoronazione di Iyoas (26 giugno 1755) o, ancora prima, all'assassinio di Iyasu I (13 ottobre 1706), evento a cui si può attribuire la successiva decadenza del potere imperiale in Etiopia. La fine della Zemene Mesafint si fa in genere coincidere con l'incoronamento dell'imperatore Teodoro II, che attraverso una serie di sanguinose battaglie (dalla battaglia di Gur Amba del 17 settembre 1852 a quella di Derasge del 1855) riprese il controllo del paese.

storia Portale Storia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di storia