Walter Ferreri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Walter Ferreri (Torino, 1948) è un astronomo e divulgatore scientifico italiano.

Le sue origini sono sarde, precisamente di Buddusò, paese della provincia di Olbia-Tempio.

Lavora presso l'Osservatorio Astronomico di Pino Torinese (Torino) dove si occupa di relazioni esterne. Per i suoi lavori sugli asteroidi e per averne scoperti circa una quarantina, nel 1987 è stato imposto il suo nome al pianetino 3308 Ferreri.

È membro di varie Associazioni astronomiche italiane e straniere e, in particolare, dal 1988, è socio della commissione 20 dell'Unione Astronomica Internazionale. Si occupa assiduamente di divulgazione scientifica, nel 1977 ha fondato la rivista di astronomia, Orione, della cui pubblicazione attuale, Nuovo Orione, è direttore scientifico.

Tra i lavori di ricerca affrontati si annoverano quelli di tipo astronometrico su asteroidi dinamicamente instabili, comete peculiari e sul sistema Plutone-Caronte.

Attualmente partecipa a esperimenti di impatti ad ipervelocità.

Libri[modifica | modifica wikitesto]

Autore di molti testi, tra questi è coautore con Margherita Hack e Pippo Battaglia del libro Origine e fine dell'universo (2002).

Nel 1993 gli è stata conferita la Targa Giuseppe Piazzi per la divulgazione scientifica. Controllo di autorità VIAF: 65873513 LCCN: n2005008456