Vittorio Piva

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Vittorio Piva (Belgirate, 1875Roma, 1907) è stato un giornalista italiano.

Figlio del garibaldino generale Domenico Piva e di Carolina Cristofori, fu giornalista e militante socialista.

Redattore dell’«Eco dei Lavoratori» di Padova, prese parte come volontario alla guerra greco-turca del 1897.

Coinvolto nella repressione del maggio 1898, fu condannato in contumacia e si rifugiò prima a Berlino, poi a Bruxelles, stringendo rapporti di amicizia con Wilhelm Liebnecht ed Emile Vandervelde.

Tornato in Italia nel 1900, fu direttore del «Secolo Nuovo» di Venezia, per poi passare alla redazione romana dell'«Avanti!».

Passò poi a dirigere, con Savino Varazzani, il settimanale culturale «L'Avanti! della Domenica».


Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Antonello Nave, Vittorio Piva volontario garibaldino e socialista, in «Camicia Rossa», XXVII, 3-4, luglio-dicembre 2007, pp. 21-23.
  • Antonello Nave, Vittorio Piva e il settimanale socialista l'«Eco dei Lavoratori» di Padova, in «Archivio Veneto», serie V, CLXIX, 2007, pp. 75-102.
  • Paolo Bolpagni, L'arte nell'Avanti della Domenica 1903-1907, Edizioni Gabriele Mazzotta, Milano 2008.
  • Paolo Bolpagni, Vittorio Piva e l'Avanti della Domenica, in Paolo Bolpagni, Arte, socialità, politica. Articoli dell'Avanti della Domenica 1903-1907, Fondazione Anna Kuliscioff - EDIFIS, Milano 2011, pp. 13-43.
  • Paolo Bolpagni, Vittorio Piva e l'Avanti! della Domenica, in «Mondoperaio», 2, Roma, febbraio 2012, pp. 93-95.
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie