Vito Pancella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Vito Pancella (Lanciano, 15 giugno 1945Lanciano, 12 giugno 2005) è stato un artista, scultore e incisore italiano.

Vito Pancella

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Vito Pancella è nato nel 1945 a Lanciano (Chieti), città ove ha seguito gli studi artistici, per poi trasferirsi a Roma, nella cui Accademia ha frequentato i corsi dello scultore Pericle Fazzini e dell'incisore Lino Bianchi Barriviera.

Docente per un ventennio prima al liceo artistico di Bari e poi di Roma, per molti anni ha avuto lo studio nella capitale, prendendo parte attiva alla vita culturale della città. Nel 1989 torna a risiedere a Lanciano, la sua città natale, continuando a lavorare tra Verona e Pietrasanta[1].

Muore il 12 giugno 2005, dopo una lunga malattia[2].

Riconoscimenti e premi[modifica | modifica wikitesto]

  • 1968: Borsa di studio all'Accademia di Belle Arti di Roma
  • 1975: 1º premio per la Scultura alla I Rassegna Internazionale d'Arte “A. Lucarelli” XXX della Liberazione, Bari
  • 1976: 1º premio per la scultura alla III Biennale d'Arte Sacra “Padre Pio”, S. Giovanni Rotondo (Foggia)
  • 1977: 2º premio per la scultura alla XXVII Rassegna “G.B. Salvi”, Sassoferrato (Ancona)
  • 1986: 1º premio della “Stampa e Promozione dell'Abruzzo” per il successo ottenuto nel settore della scultura in Italia nel 1985
  • 1996: 2º premio al Salon “Artistas del Mundo”, Museo “Juan B. Castagnino”, Rosario (Argentina)
  • 1999: 1º premio alla Rassegna Internazionale di scultura “Ermanno Casoli”, Serra San Quirico (Ancona)[3]
  • 2003: Premio “Golfo d'Oro” per meriti artistici alla XXII Edizione del Premio Nazionale “Golfo d'Oro” di Vasto (Chieti)
  • 2004: Medaglia d'Argento del Presidente della Repubblica al XXXI Premio Sulmona, Rassegna Internazionale d'Arte Contemporanea

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Notturno, 1984, bronzo, cm. 79x30x16 - Insignita del 1º premio alla Rassegna Internazionale di scultura “Ermanno Casoli”, Serra San Quirico (Ancona)[4]
  • Cristo degli Abissi, 1994, bronzo, cm. 77x58x34 - Statua posizionata sui fondali di Rocca San Giovanni[5]
  • Mastrogiurato d'oro, bronzo - Trofeo della Tenzone dei Quartieri, gara che caratterizza la settimana medievale lancianese che culmina con la rievocazione storica del Mastrogiurato[6]
  • Leggio con aquila in marmo sull'ambone della Basilica della Madonna del Ponte di Lanciano (1997)
  • Il Sogno di Icaro, 2004, marmo bianco di Carrara, cm. 97x56x53 - Opera donata dal Rotary Club di Lanciano alla città e ubicata nel Palazzo degli Studi, oggi sede del Consorzio Universitario
  • Madonna del Porto, 2004, bronzo - Opera posizionata al porto della città di Pescara
  • Sulle ali dell'Alitalia, scultura in bronzo utilizzata come trofeo (Golden Wings Award) e consegnata da Alitalia New York ai maggiori Tour Operator statunitensi[7]

Musei[modifica | modifica wikitesto]

Elenco dei musei che espongono opere dell'artista:

  • Museo dei Bozzetti, Pietrasanta (Lucca)[8]
  • Museo d'Arte dello Splendore, Giulianova (Teramo)[9]
  • Galleria Civica d’Arte Moderna di Avezzano (L'Aquila)[10]
  • Museo Staurós d’Arte sacra contemporanea del Santuario di San Gabriele a Isola del Gran Sasso (Teramo)[11]
  • Museo d'arte MAAAC, Nocciano (Pescara)[12]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dalla biografia presente sul sito ufficiale dell'artista
  2. ^ Il Centro (13 giugno 2005). E’ morto lo scultore Vito Pancella
  3. ^ Sito ufficiale del Premio Ermanno Casoli
  4. ^ Vincitori del Premio Internazionale d'Arte Ermanno Casoli, ed. 1999
  5. ^ Foto del Cristo degli Abissi
  6. ^ Il Mastrogiurato e la Tenzone dei Quartieri
  7. ^ La scultura Sulle ali dell'Alitalia sul sito di uno dei Tour Operator vincitori del premio
  8. ^ Opere esposte presso il Museo dei Bozzetti, Pietrasanta
  9. ^ Opere esposte presso il Museo d'Arte dello Splendore, Giulianova
  10. ^ Opera esposta presso la Galleria Civica d’Arte Moderna di Avezzano
  11. ^ Collezione Museo Staurós d’Arte sacra contemporanea
  12. ^ Opera esposta presso il Museo d'arte MAAAC di Nocciano

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Raffaele De Grada, Vito Pancella, Edizioni d'arte Ghelfi, 1994
  • Catalogo della Scultura Italiana (vol. 10), Giorgio Mondadori, 1994

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]