Urtica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Urtica
Urtica dioica
Urtica dioica
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Rosidae
Ordine Rosales
Famiglia Urticaceae
Genere Urtica
L., 1753
Specie

vedi testo

Urtica (L., 1753) è un genere di circa un centinaio di piante erbacee, perenni ma anche annuali, della famiglia delle Urticaceae, diffuse nelle regioni temperate dell'emisfero australe e boreale, o nelle aree montane delle regioni tropicali. La maggior parte delle specie possiede, sul fusto e sulle foglie, numerosi peli che, quando toccati, si spezzano e lasciano penetrare nella pelle un fluido che causa un forte prurito.

Le specie più diffuse[1] in Italia, comunemente chiamate ortica, sono Urtica dioica, pianta perenne alta fino a 2 metri, e Urtica urens, annuale e alta fino a 60 cm.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Le specie del genere Urtica[1] sono piante erbacee, raramente arbusti, con altezza tra 10 e 300 cm, annuali o perenni, monoiche o dioiche, spesso con peli urticanti sul fusto e sulle foglie.

Le foglie sono opposte, dentate, con stipole. I fiori sono unisessuali, piccoli, di colore verde o giallastro e sono raggruppati in grappoli lungo il fusto.

Le specie perenni, come U. dioica, possiedono solitamente dei rizomi sotterranei.

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Urtica cannabina
Urtica pilulifera

In Italia, le seguenti specie di Urtica si trovano frequentemente nei terreni azotati, ad esempio tra le macerie e i luoghi incolti, vicino ai centri abitati, o nei lati più umidi e ombrosi dei boschi, dal mare alla montagna:[2][3]

  • Urtica atrovirens Req. ex Loisel., perenne, alta tra i 30 e i 90 cm, si trova in Sardegna e in Toscana
  • Urtica dioica L., comunemente chiamata ortica, perenne e alta fino a due metri, è la specie più diffusa e conosciuta
  • Urtica dubia Forsk. (sin. U. membranacea Poir., U. caudata Vahl), diffusa in Italia centrale e meridionale
  • Urtica pilulifera L., detta anche ortica romana o ortica a campanelli, più diffusa nelle zone costiere
  • Urtica urens L., o ortica minore, annuale, alta fino a 30 cm. Si incontra soprattutto al nord e nelle isole

Endemica della Sicilia è invece la più rara Urtica rupestris Guss., che è stata rinvenuta in provincia di Siracusa.[4]

Distribuite in varie parti del mondo, specialmente nelle regioni temperate e nelle aree montane dei tropici,[5] sono state classificate numerose specie, tra cui:[1][6]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) Gulsel M. Kavalali et al., Urtica, Taylor & Francis, 2003, ISBN 0-203-34173-2.
  2. ^ Paola Gastaldo, Compendio della flora officinale italiana, PICCIN, 1987, pp. 45-46, ISBN 978-88-299-0599-7.
  3. ^ Schede di botanica: Urticaceae. URL consultato il 10 febbraio 2012.
  4. ^ (EN) Jaakko Jalas et al., Atlas Florae Europaeae (II Vol.), Cambridge University Press, 1988, pp. 88-89, ISBN 978-0-521-34271-1.
  5. ^ (EN) Jiarui Chen, Prof. Qi Lin, Ib Friis, C. Melanie Wilmot-Dear & Alex K. Monro, Flora of China: Urticaceae. URL consultato il 16 agosto 2014.
  6. ^ (EN) The International Plant Name Index. URL consultato il 9 febbraio 2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica