Thalassarche cauta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Albatro cauto
070226 Shy mollymawk off Kaikoura 2.jpg
Thalassarche cauta
Stato di conservazione
Status iucn3.1 NT it.svg
Prossimo alla minaccia (nt)[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Ordine Procellariiformes
Famiglia Diomedeidae
Genere Thalassarche
Specie T. cauta
Nomenclatura binomiale
Thalassarche cauta
(Gould, 1841)

L'albatro cauto (Thalassarche cauta Gould, 1841) è un albatro di medie dimensioni diffuso in tutto l'Oceano Australe, che nidifica nelle isole sub-antartiche al largo di Australia e Nuova Zelanda. Talvolta è stato avvistato anche sulle coste pacifiche degli Stati Uniti. Questo mollymawk era un tempo considerato appartenente alla stessa specie dell'albatro di Salvin e di quello delle Chatham. Lo stesso albatro cauto è a sua volta suddiviso in due sottospecie, l'albatro cauto (T. c. cauta) e l'albatro cauto delle Auckland (T. c. steadi); alcuni autori hanno suggerito perfino di considerarle specie separate, ma questa ipotesi non è stata largamente accettata.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Presenta il classico aspetto dei mollymawk, con il piumaggio scuro su dorso, faccia superiore delle ali e coda, e bianco su ventre, collo e sottoala. Bianca è anche la sommità e gran parte della testa, tranne il sopracciglio scuro e la faccia, di color grigio pallido. Il becco è grigio pallido con una cresta e la punta gialli. Pesa in media 4,1 kg e misura 98 cm di lunghezza e 2,54 m di apertura alare.

Comportamento[modifica | modifica sorgente]

Quando va alla ricerca di cibo può sia galleggiare in superficie che immergersi sott'acqua - alcuni esemplari sono stati visti immergersi fino a 5 m di profondità. Rispetto ad altre specie di albatro, la sua dieta è composta quasi totalmente, fino al 90%, da pesci, piuttosto che da calamari.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) BirdLife International 2008, Thalassarche cauta in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.1, IUCN, 2014.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • Thalassarche cauta in Avibase - il database degli uccelli nel mondo, Bird Studies Canada.
uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli