Teodoro Duclère

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Teodoro Duclère - Napoli dalla Conocchia

Teodoro Duclère (Napoli, 18161867) è stato un pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato nella capitale partenopea da genitori francesi, frequentò la scuola di Posillipo riunitasi attorno all'atelier di Antonio Pitloo, divenendo il più fedele allievo del suo maestro, del quale sposerà la figlia. In quegli stessi anni maturò la sua profonda amicizia con Giacinto Gigante.

La sua pittura resta per molti anni legata ad una concezione vedutistica del paesaggio, evidente in opere come Veduta di Napoli dalla Conocchia, ma intorno al 1840 matura visioni di maggiore immediatezza poetica. Nel 1862, grazie alla sua posizione di mediazione tra lo stile del suocero e quello di Gigante, diventa professore aggiunto all'Accademia di Napoli: è considerato un maestro non solo come paesista, ma anche come autore di costumi e scene popolari. Il suo nome è ormai celebre anche all'estero, al punto che lo Zar di Russia gli commissiona alcuni lavori. Morirà nel 1867, a soli 51 anni.

Diverse opere di Duclère sono oggi custodite a Sorrento nel Museo Correale.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]