Teneramente in tre

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Teneramente in tre
Titolo originale Eyes of an Angel
Paese di produzione USA
Anno 1991
Durata 95 min
Colore colore
Audio Dolby
Rapporto 2,35 : 1
Genere drammatico
Regia Robert Harmon
Soggetto Robert Stitzel
Sceneggiatura Robert Stitzel
Produttore Chris Chesser, Rafael Eisenman, Michael Phillips
Produttore esecutivo Michael Douglas, Michael Phillips
Fotografia Theo van de Sande
Montaggio Donn Cambern, Zach Staenberg
Effetti speciali Calvin Joe Acord
Musiche Randy Edelman
Scenografia David Brisbin
Costumi Susie DeSanto
Trucco Art Anthony
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Teneramente in tre (Eyes of an Angel) è un film del 1991 diretto da Robert Harmon. Il primo titolo italiano fu Un Fuggiasco, Una Bambina, Un Cane, poi fu sostituito con quello attuale.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Una ragazzina orfana di madre, con un rapporto difficile con il padre - Bobby -, trova per strada un cane abbandonato, di razza dobermann. Il cane è ridotto male, ferito ed infreddolito. La bambina immediatamente scorge nei suoi occhi qualcosa di speciale e decide di prendersi cura di esso. Cura alla meglio le sue ferite e lo nutre. Dapprima diffidente, il cane si abitua alla sua presenza e comincia ad esserle fedele, tanto che un giorno la segue fino a scuola, camminando fianco a fianco alla metropolitana. La segue anche fino a casa, dove la bambina lo farà entrare, contrariamente al volere del padre, che riconosce l'animale, avendolo visto, tempo prima, combattere clandestinamente contro un altro cane. Bobby ha problemi a trovare lavoro, perciò si immischia in affari illeciti, sotto la protezione del cognato -Cissy-, il quale non ha a cuore il marito della sorella, ma vuole ad ogni costo che la nipote vada a vivere da lui. Questa è la ragione per cui farà di tutto per incolpare ingiustamente Bobby di furto. Quest'ultimo, vedendosi minacciato, ruba un'auto e scappa con la figlia fino in California, a casa di suo fratello. La bambina era stata costretta a rinunciare al cane, che però trova la forza di seguirli correndo fino alla sfinimento, aiutato dalle continue tracce odorose che la ragazza lascia per strada. Cissy riesce a trovarli anche lì e Bobby gli promette di restituirgli tutto ciò che deve, facendo combattere ancora una volta il dobermann della figlia. Quest'ultima si intrometterà nel "ring" e il cane, riconoscendo Cissy come nemico, lo attaccherà alla gola. Bobby capisce di aver sbagliato e di aver giudicato male il cane, ragion per cui decide di lasciarsi Cissy e la malavita alle spalle, ricominciando da capo con la sua nuova famiglia. Teneramente in tre: lui, sua figlia ed il loro fedelissimo cane.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema