Suillus granulatus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Suillus granulatus
Suillus granulatus.jpg
Suillus granulatus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Fungi
Divisione Basidiomycota
Classe Basidiomycetes
Ordine Boletales
Famiglia Suillaceae
Genere Suillus
Specie S. granulatus
Nomenclatura binomiale
Suillus granulatus
(\L.) Roussel
Sinonimi
  • Vedi testo.
Nomi comuni

Boleto granulato, Pinarolo

Caratteristiche morfologiche
Suillus granulatus
Cappello convesso icona.svg
Cappello convesso
Pores icon.png
Imenio pori
Adnate gills icon2.svg
Lamelle adnate
Brown spore print icon.png
Sporata marrone
Bare stipe icon.png
Velo nudo
Immutabile icona.png
Carne immutabile
Mycorrhizal ecology icon.png
Micorrizico
Foodlogo.svg
Commestibile

Suillus granulatus (L.) Roussel, in Sipp. & Snell, Fl. Calvados, Edn 2 1: 34 (1796).

Il Suillus granulatus, comunemente chiamato Pinarolo, è un fungo edule appartenente alla famiglia delle Suillaceae.

Descrizione della specie[modifica | modifica wikitesto]

Cappello[modifica | modifica wikitesto]

4-12 cm di diametro, carnoso, convesso, poi aperto

cuticola
totalmente separabile, eccedente, vischiosa con l'umido, colore ruggine o bruno-giallastro

Pori[modifica | modifica wikitesto]

Piccoli e tondi, poi angolosi, gialli, secernono goccioline di lattice di colore giallino.

Tubuli[modifica | modifica wikitesto]

Lunghi fino a 10 mm, immutabili, adnati, gialli o giallastri.

Gambo[modifica | modifica wikitesto]

4-9 x 1-2,5 cm, cilindrico, sodo, quasi sempre regolare, lievemente allargato alla base, giallo-limone con sfumature vinose verso la base, finemente punteggiato da granulazioni bianco-giallastre verso la parte alta.

Carne[modifica | modifica wikitesto]

Tenera, giallo-limone, bianco-giallastra, immutabile al taglio.

Odore
lievemente fenolico.
Sapore
gradevole, dolciastro.

Spore[modifica | modifica wikitesto]

7,8-9 x 2,8-3,5 μm, fusiformi, lisce, bruno-ocra in massa.

Habitat[modifica | modifica wikitesto]

Cresce dall'inizio dell'estate all'autunno, nei boschi di pino.

Commestibilità[modifica | modifica wikitesto]

Foodlogo.png Commestibilità buona, ma si consiglia di asportare la cuticola dal cappello prima dell'uso, in quanto spesso risulta "lassativa" (e non velenosa, come erroneamente riportato in alcuni testi).

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Dal latino granulatus, granulato, per la punteggiatura che presenta sul gambo.

Sinonimi e binomi obsoleti[modifica | modifica wikitesto]

Esemplare in sezione
  • Boletus granulatus L., Species Plantarum: 1177 (1753)
  • Boletus granulatus var. lactifluus (Pers.) J. Blum, Bull. trimest. Soc. mycol. Fr. 81: 484 (1965)
  • Boletus lactifluus (Pers.) J. Blum, Bull. trimest. Soc. mycol. Fr. 85: 43 (1969)
  • Boletus lactifluus Sowerby, Coloured figures of English Fungi or Mushrooms (London) 3: tab. 420 (top) (1809)
  • Boletus lactifluus With., Bot. arr. veg. Gr. Brit. 4: 320 (1796)
  • Ixocomus granulatus (L.) Quél., Flore mycologique de la France et des pays limitrophes (Paris): 412 (1888)
  • Leccinum lactifluum (With.) Gray, A Natural Arrangement of British Plants (London) 1: 647 (1821)
  • Suillus lactifluus (With.) A.H. Sm. & Thiers, Michigan Bot. 7: 16 (1968)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

(EN) Suillus granulatus in Index Fungorum, CABI Bioscience.

  • Carlo Papetti, Giovanni Consiglio e Giampaolo Simonini (a cura di), Atlante fotografico dei Funghi d'Italia Vol.I, Associazione Micologica Bresadola, 1999.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

micologia Portale Micologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di micologia