Stefano D'Aste

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stefano D'Aste
Stefano D'Aste 2009 WTCC Race of Japan.jpg
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Automobilismo Casco Kubica BMW.svg
Dati agonistici
Categoria WTCC
Squadra Wiechers-Sport
 

Stefano D'Aste (Genova, 26 febbraio 1976) è un pilota automobilistico italiano, Campione del Mondo WTCC nel Yokohama Independents' Trophy FIA WTCC 2007.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Stefano D'Aste si affaccia al mondo dei motori partecipando ad alcuni campionati e trofei motociclistici; giunge quinto nel campionato Sport Production nel 1993, anno in cui il campionato fu vinto da Valentino Rossi, per poi prendere parte al Monza International Rally. Nel 1998 si classifica quinto in campionato su Aprilia 250; il passaggio alle auto è abbastanza netto sceso dalla 250 si ritrova a bordo di una Dallara F3. Nel 2003 si laurea Vice Campione Europeo nella Renault Trophy 3.0 V6 poi si classifica al primo posto nel Monza International Rally alla guida di una Toyota Corolla. Un successo importante che segna una sorta di svolta nella sua carriera poiché l'anno successivo parteciperà l'European Touring Car Championship.

Nel 2004, al suo esordio nell'ETCC alla guida di una BMW, D'Aste chiude al sesto posto della classifica Indipendent. Il miglior piazzamento stagionale sarà un settimo posto.

L'anno seguente, con il debutto del nuovo Campionato del mondo turismo che sostituisce l'europeo, entra a far parte della scuderia Proteam Motorsport guidando una BMW 320i; a fine stagione con il team di Valmiro Presenzini Mattoli il driver italiano festeggerà la vittoria del Trofeo Independents' e il terzo posto tra i piloti privati. La prova sul circuito di Spa-Francorchamps lo vede tagliare il traguardo al primo posto assoluto, unico Indipendent nella storia del Campionato del Mondo Turismo ad averlo fatto; solo in seconda istanza verrà penalizzato di tre secondi a causa dell'incidente tra Tarquini, Giovanardi, Garcia e Muller e retrocesso alla seconda posizione.

Nel 2006 D'Aste prosegue il rapporto con il Proteam, terminando ancora una volta al terzo posto tra gli indipendenti e al decimo posto in classifica generale.

Nella stagione 2007 lascia il team aretino per accasarsi alla scuderia Wiechers-Sport. L'anno è il più duro e si trova a competere, sempre nel Trofeo Independents, con avversari come Roberto Colciago, Luca Rangoni, Pierre Yves Corthals, Duncan Huisman, Colin Turkington e Sergio Hernandez; al termine dell'anno arriva l'alloro mondiale. Lo stesso anno è eletto Casco d'Oro intitolato "Italia che Vince"[1], vince il Rally di Monza nella categoria GT su una Lotus Exige preparata dal Lotus Sport P.B. Racing e sviluppata da lui stesso; con la stessa vettura fa suo il Gt Rally al Motorshow di Bologna contro la Ferrari F430 guidata da A. Forato[2].

D'Aste nella stagione 2008

Nel 2008 ritorna al Proteam Motorsport avendo come compagno di squadra Hernandez: la corsa al titolo Independents' è stata praticamente una gara a due tra i due alfieri del team. A fine stagione Hernandez si aggiudica il titolo con D'Aste che ottiene il terzo posto in classifica. Ciò anche in virtù della sua mancata partecipazione all'ultima gara di Macau.

Dopo una stagione in cui è tornato alla squadra Wiechers-Sport senza ottenere risultati di rilievo, il 9 gennaio 2010 la Scuderia Proteam Motorsport ne annuncia l'ingaggio per la stagione 2010. Stefano D'Aste torna così per la terza volta alla guida delle BMW bianco-blu-azzurre. Con lui anche l'ex iridato Sergio Hernandez che assieme al compagno di squadra va a ricomporre il team che nella stagione 2008 fece molto bene proprio con le vetture della scuderia aretina.

L'ultima gara della stagione decide di saltarla per affrontare il Rally di Monza con il Team di sua proprietà dotato di vetture Lotus. Fa correre Marco Melandri, Massimo Brega e Franco Bobbiese; navigato dalla sorella Linda ottiene lui stesso il quarto posto assoluto a bordo della Lotus Exige vincendo la classe Gt con 3 minuti di vantaggio sul secondo Antonio Forato su Ferrari 430[3].

Per quanto riguarda il campionato turismo conclude la stagione al 19º posto assoluto e al 6° tra i piloti dell'Independents. Nel mese di dicembre si riaggiudica un'altra volta la vittoria di categoria nelle competizioni disputate al Motorshow di Bologna[4].

Risultati WTCC[modifica | modifica sorgente]

(Legenda) N.B. Le gare in grassetto indicano una pole position mentre quelle in corsivo indicano il giro più veloce in gara.

Anno Scuderia Vettura 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 Posizione Punti
2005 Proteam Motorsport BMW 320i ITA FRA GBR SMR MES BEL GER TUR SPA MAC 18° 8
16 22 Rit NP Rit Rit 22 15 12 11 17 2 20 19 14 15 17 17 11 Rit
2006 Proteam Motorsport BMW 320i ITA FRA GBR GER BRA MES CZE TUR SPA MAC - 0
14 21 18 10 19 Rit 19 19 Rit Rit 22 Rit 13 11 12 11 20 19 Rit 11
2007 Wiechers-Sport BMW 320si BRA OLA SPA FRA CZE POR SVE GER GBR ITA MAC - 0
11 13 17 18 12 18 13 Rit 14 10 11 14 21 19 17 13 17 17 21 10 18 12
2008 Scuderia Proteam Motorsport BMW 320si BRA MES SPA FRA CZE POR GBR GER EUR ITA GIA MAC 18° 2
9 16 13 14 14 15 18 14 25 21 19 16 12 7 9 13 18 16 24 14 9 23
2009 Wiechers-Sport BMW 320si BRA MES MAR FRA SPA CZE POR GBR GER ITA GIA MAC 18° 3
Rit 20 12 16 16 13 Rit NP 9 9 17 15 10 9 9 13 6 16 12 10 24 10 NP NP
2010 Scuderia Proteam Motorsport BMW 320si BRA MAR ITA BEL POR GBR CZE GER SPA GIA MAC 19° 3
17 15 Rit 11 11 11 16 13 14 13 18 11 10 9 15 16 Rit NP Rit 17
2011 Wiechers-Sport BMW 320 TC BRA BEL ITA UNG CZE POR GBR GER SPA GIA CIN MAC 17° 12
10 11 6 9 10 11
2012 Wiechers-Sport BMW 320 TC ITA SPA MAR SVK UNG AUT POR BRA USA GIA CIN MAC 84
11 5 11 3 5 5 5 14 11 8 Rit 1

Note[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

sport Portale Sport: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di sport