Stefán Gíslason

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stefán Gíslason
Stefan Gislason 2006-05-21.jpg
Dati biografici
Nazionalità Islanda Islanda
Altezza 194 cm
Peso 84 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Centrocampista
Squadra Breidablik Breiðablik
Carriera
Giovanili
19??-19??
19??-1996
Flag of None.svg Umf. Austri
Arsenal Arsenal
Squadre di club1
1996-1997 KR Reykjavik KR Reykjavík 28 (1)
1997-1999 Arsenal Arsenal 0 (0)
1999-2001 Stromsgodset Strømsgodset 64 (1)
2001-2003 Grazer AK Grazer AK 5 (0)
2003-2004 Keflavik Keflavík 34 (4)
2005-2007 Lyn Oslo Lyn Oslo 62 (8)
2007-2009 Brondby Brøndby 70 (6)
2010 Viking Viking 12 (1)
2011 Lillestrom Lillestrøm 10 (0)
2012-2014 OH Leuven OH Leuven 53 (4)
2014- Breidablik Breiðablik 0 (0)
Nazionale
2002-2009 Islanda Islanda 32 (0)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 25 marzo 2014

Stefán Gíslason (Fjarðabyggð, 15 marzo 1980) è un calciatore islandese, centrocampista del Breiðablik.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È il fratello di Valur Gíslason.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Gíslason fece parte delle giovanili dell'Arsenal; i londinesi lo prestarono al KR Reykjavík, prima di cederlo a titolo definitivo allo Strømsgodset, in Norvegia. Debuttò nella Tippeligaen l'11 aprile 1999, giocando nella sconfitta per due a uno contro il Kongsvinger.[1] In seguito, vestì le maglie di Grazer e Keflavík.

Tornò poi in Norvegia, per giocare nel Lyn Oslo. L'esordio con questa maglia fu datato 10 aprile 2005, quando fu schierato titolare nel pareggio per uno a uno contro il Fredrikstad.[2] L'8 maggio arrivò la prima rete, che sancì il successo per tre a due sul Rosenborg.[3] Diventò anche vice-capitano della squadra.

A luglio 2007, fu venduto al Brøndby, club per cui esordì il 18 luglio: fu infatti titolare nella sconfitta per uno a zero in casa dell'Esbjerg.[4] A febbraio 2008, fu nominato capitano, al posto di Per Nielsen. Il 3 luglio 2009 dichiarò che non sarebbe restato ancora a lungo al club e manifestò la volontà di cambiare squadra alla fine della stagione. Si trasferì così al Viking, con la formula del prestito. Giocò il primo incontro per questa società il 5 aprile 2010, nel pareggio a reti inviolate contro il Lillestrøm.[5]

Una volta rientrato dal prestito, la situazione con il Brøndby non migliorò. Il 4 febbraio 2011, trovò un accordo per rescindere il contratto.[6] Questo lo lasciò però in una specie di limbo, poiché le regole del calciomercato gli impedivano di trasferirsi in molti paesi.[6] Per questo, saltò il suo trasferimento all'Aberdeen, con il manager del club Craig Brown che dichiarò di essere stato interessato al calciatore, finché non scoprì di non poterlo tesserare.[6]

Il 16 marzo 2011 trovò un accordo con il Lillestrøm, per cui firmò un contratto fino al 1º agosto dello stesso anno.[7] Il 10 gennaio 2012, svincolato, firmò un contratto con i belgi dell'Oud-Heverlee Leuven.[8]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Gíslason debuttò per l'Islanda a gennaio 2002, sostituendo Helgi Sigurðsson in un'amichevole contro il Kuwait. Fu convocato 32 volte dalla selezione islandese.[9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (NO) Strømsgodset IF - Kongsvinger 2 - 1, fotball.no. URL consultato il 17-03-2011.
  2. ^ (NO) Lyn 1 - 1 Fredrikstad, altomfotball.no. URL consultato il 17-03-2011.
  3. ^ (NO) Lyn 3 - 2 Rosenborg, altomfotball.no. URL consultato il 17-03-2011.
  4. ^ (NO) Esbjerg 1 - 0 Brøndby, altomfotball.no. URL consultato il 17-03-2011.
  5. ^ (NO) Viking 0 - 0 Lillestrøm, altomfotball.no. URL consultato il 17-03-2011.
  6. ^ a b c (EN) Brondby error scuppers Dons midfielder move, stv.tv. URL consultato il 17-03-2011.
  7. ^ (NO) Gislason klar for LSK, vg.no. URL consultato il 17-03-2011.
  8. ^ (NL) OHL kleurt een beetje Ijslands, ohl.be. URL consultato l'11-01-2012.
  9. ^ (EN) Gíslason, Stefán, national-football-teams.com. URL consultato l'11-01-2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]