Sonnet 144

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow.pngVoce principale: Sonetti (Shakespeare).

Sonnet 144 o Two loves I have of comfort and despair è il centoquarantaquattresimo dei Sonnets di William Shakespeare.

Il testo del sonetto in lingua originale

Two loves I have of comfort and despair,
Which like two spirits do suggest me still:
The better angel is a man right fair,
The worser spirit a woman colour'd ill.
To win me soon to hell, my female evil,
Tempteth my better angel from my side,
And would corrupt my saint to be a devil,
Wooing his purity with her foul pride.
And whether that my angel be turn'd fiend,
Suspect I may, yet not directly tell;
But being both from me, both to each friend,
I guess one angel in another's hell:

Yet this shall I ne'er know, but live in doubt,
Till my bad angel fire my good one out.

Il sonetto è uno dei due (l'altro è il 138) inseriti nella raccolta Il pellegrino appassionato, editata nel 1599, dieci anni prima degli Shakespeare's Sonnet pubblicati da Thorpe[1].

Analisi del testo[modifica | modifica wikitesto]

Il Sonnet 144 fa parte dei sonetti convenzionalmente dedicati alla dark lady. Vede protagonista, assieme a quest'ultima, anche il fair youth, nella veste di vittima dell'adulazione della donna, a discapito dell'amore dell'io lirico.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Stephen Booth, Ed. Shakespeare's Sonnets, New Haven: Yale University Press, 1977.
  • Dario Calimani, William Shakespeare: i sonetti della menzogna, Carocci, 2009, pp. 228–231.
  • William Shakespeare, Sonetti, Milano, Mondadori, 1993, traduzione di Giovanni Cecchin.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Booth, 1977, p. 476
Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Letteratura