Sofidel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sofidel S.p.A.
Logo
Stato Italia Italia
Tipo società per azioni
Fondazione 1966
Fondata da
  • Emi Stefani
  • Giuseppe Lazzareschi
Sede principale Porcari
Gruppo Gruppo Sofidel
Persone chiave
  • Emi Stefani Presidente
  • Luigi Lazzareschi CEO
Settore Tissue (carta uso igienico e domestico)
Prodotti prodotti in carta tissue
Fatturato Green Arrow Up.svg 1511 milioni € (2012)
Dipendenti oltre 5.000 (2013)
Sito web www.sofidel.it

Sofidel è una società privata a capitale italiano, produttrice di carta per uso igienico e domestico.

Profilo[modifica | modifica sorgente]

Di proprietà delle famiglie Stefani e Lazzareschi è stata fondata nel 1966. Ha 27 società presenti in 13 Paesi oltre 5.000 dipendenti (2013) e un fatturato consolidato di 1.511 milioni di euro (2012). Aderisce al programma del WWF Internazionale Climate Savers[1] ed è partner del Global Compact[2] delle Nazioni Unite, della Fondazione Sodalitas[3] e della Fondazione Telethon[4].

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nel 1966 Emi Stefani e Giuseppe Lazzareschi, aprono la prima cartiera, Stefani & Lazzareschi, a Pracando (Villa Basilica), zona con una lunga storia nella produzione della carta. Nel 1969, nasce la seconda cartiera, Fine Paper, a Porcari (Lucca), area della piana lucchese particolarmente ricca di acqua, risorsa fondamentale per il processo produttivo.

Nel corso degli anni 70, il consumo della carta per uso igienico e domestico va rapidamente aumentando e il gruppo, in pochi anni, si afferma sul mercato italiano.

I produttori del settore oltre che alle cartiere iniziano a guardare con interesse anche agli impianti di trasformazione, quelli in cui la carta, tagliata e piegata, diventa prodotto finito. L’azienda vive questa fase attraverso la costituzione delle trasformazioni Soffass (1972) e Delicarta (1979) e l’incremento delle esportazioni all’estero.

Il settore vive nuove opportunità anche sull’onda dell’affermazione, in Italia, della tv commerciale. Nel 1987 Soffass inizia la comunicazione pubblicitaria televisiva del brand Regina, investendo molto nella comunicazione aziendale consolida la propria immagine, con il payoff "La carta più".

Nel 1988 nasce Sofidel, con l’obiettivo di fornire servizi, l'acronimo nasce dall'unione delle aziende So (Soffass), Fi (Fine Paper), Del (Delicarta).

Si intensifica, intanto la vendita dei prodotti all’estero. Allo scopo di contenere i costi logistici e supportare meglio l’internazionalizzazione delle principali realtà della grande distribuzione, Sofidel comincia a produrre sui mercati di sbocco in Europa. Nel 1994 inizia la costruzione di Delipapier s.a.s a Nancy. Nel 1997, nasce Papernet a Porcari (Lucca), attiva sul mercato Horeca. Attraverso costituzioni o acquisizioni di società il gruppo negli anni 2000 prosegue il processo di crescita e internazionalizzazione: in Polonia con Delitissue (2000), in Italia con Fibrocellulosa (2000) e Cartiera di Monfalcone (2002), e Imbalpaper (2003), in Gran Bretagna con Intertissue (2003), in Germania con Delipapier GmbH e Delisoft (2003), in Spagna con Ibertissue (2003), in Turchia con Sofidel Kagit (2004), in Francia con lo stabilimento di Buxeuil, nel dipartimento della Vienne (2006); in Germania con le società del Gruppo Werra (2007); in Grecia, con Papyros, a Katerini (Salonicco) (2009).

Vengono anche acquisiti il marchio tedesco Softis (2008) e i marchi francesi Le Trèfle e Sopalin (2009). In anni in cui l’attenzione alla sostenibilità, in particolare ambientale, sta divenendo centrale, Sofidel diventa partner del programma internazionale del WWF Climate Savers[5] (2008).

Nel 2010 nasce, in Croazia, Sofidel Papir e vengono acquisite, in Romania, Comceh S.A e, in Gran Bretagna, LPC Group (rinominata Sofidel UK), con sede a Leicester e fabbriche in GB, Svezia, Belgio e Francia. Sofidel è il secondo produttore europeo del mercato tissue[6]. Nello stesso anno aderisce alla Fondazione Sodalitas e all’United Nation Global Compact[7].

Nel 2012 Sofidel si espande oltre oceano nel mercato statunitense[8] acquisendo Cellynne (rinominata Sofidel America)[9] e supera la capacità produttiva di 1.000.000 di tonnellate[10].

Nel dicembre 2012, è avviata la collaborazione con la Fondazione Telethon[4] e nel marzo 2013, con Cospe[11] per un progetto sociale e ambientale in Senegal. Nell’aprile 2013 Sofidel acquisisce altri marchi: Thirst Pocket, Kitten Soft, Inversoft e Nouvelle Soft (GB e ROI)[12] e lo stabilimento di Horwich, in Gran Bretagna.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ WWF - Partner companies
  2. ^ I partner
  3. ^ Sodalitas - Imprese sostenitrici
  4. ^ a b http://www.telethon.it/chi-siamo/partner/aziende
  5. ^ WWF - Sofidel
  6. ^ Un colosso della carta per uso domestico - Cronaca - il Tirreno
  7. ^ United Nations Global Compact
  8. ^ E c’è chi taglia nastri, apre fabbriche (e assume) | La nuvola del lavoro
  9. ^ Sofidel, Regina della carta fa shopping negli States oggi è il numero 6 al mondo - Economia e Finanza con Bloomberg - Repubblica.it
  10. ^ http://www.europeantissue.com/wp-content/uploads/Capacity-growth-of-top-15-2012.pdf
  11. ^ http://www.cospe.it/cospe/old/dettaglioNews.php?id=1984
  12. ^ Sofidel si rafforza sui mercati Ue - Il Sole 24 ORE

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]