Shoichi Yokoi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Shoichi Yokoi

Yokoi Shoichi (横井 庄一 Yokoi Shōichi?) (Saori, 31 marzo 1915Nagoya, 22 settembre 1997[1]) è stato un militare giapponese.

Nel 1941 venne coscritto nell'Esercito imperiale giapponese e inviato sull'isola di Guam, sul fronte del Pacifico. Quando le forze statunitensi conquistarono definitivamente l'isola nel 1944, Yokoi si nascose in una grotta nella giungla. Ne uscì nel 1972 dopo aver vissuto nella giungla per ben 28 anni. I primi 20 anni li ha condivisi con altri due compagni che sono morti 8 anni prima del ritrovamento.

In tutto questo tempo usava come utensili la dotazione militare sua e dei suoi compagni. Si fabbricava gli abiti con fibra ricavata dagli Ibiscus. Quando fu ritrovato si nutriva di corteccia d'alberi. Riportato in Giappone e scoperti i tragici esiti della guerra, al suo arrivo dichiarò «ho vergogna di ritornare vivo». Fu accolto come un eroe in patria, tanto che nel 1972 gli fu concessa la Medaglia della Grande Asia dell'Est.

Nel 1974 cercò senza successo di concorrere alle elezioni per il governo, poi spese diversi anni girando il Giappone tenendo corsi di sopravvivenza. Su di lui è stato scritto il libro 28 Years in the Guam Jungle: Sergeant Yokoi Home from World War II nel 1972 e lui stesso pubblicò, nel 1989, le Lettere dal Pacifico insieme a Gordon. Morì a causa di un infarto[2] e dopo il decesso venne cremato[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Sgt Shoichi Yokoi
  2. ^ Shoichi Yokoi, 82, Is Dead; Japan Soldier Hid 27 Years, The New York Times, 26 settembre 1997

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 26620557 LCCN: no89011977