Sciora di Dentro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate hanno solo fine illustrativo. Wikipedia non dà garanzia di validità dei contenuti: leggi le avvertenze.
Sciora di Dentro
La Sciora di Dentro (a destra) nel Gruppo delle Sciore.
La Sciora di Dentro (a destra) nel Gruppo delle Sciore.
Stato Svizzera Svizzera
Cantone Grigioni Grigioni
Distretto Distretto di Maloggia
Altezza 3275 m s.l.m.
Catena Alpi
Coordinate 46°17′50.4″N 9°37′28.8″E / 46.297333°N 9.624667°E46.297333; 9.624667Coordinate: 46°17′50.4″N 9°37′28.8″E / 46.297333°N 9.624667°E46.297333; 9.624667
Altri nomi e significati Sciora Dadent
Data prima ascensione 14 agosto 1888
Autore/i prima ascensione T. Curtius, R. Wiesner con C. Klucker
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Svizzera
Sciora di Dentro
Mappa di localizzazione: Alpi
Dati SOIUSA
Grande Parte Alpi Orientali
Grande Settore Alpi Centro-orientali
Sezione Alpi Retiche occidentali
Sottosezione Alpi del Bernina
Supergruppo Monti della Val Bregaglia
Gruppo Gruppo del Castello
Sottogruppo Costiera Sciora-Cacciabella
Codice II/A-15.III-B.3.d

La Sciora di Dentro , o Sciora Dadent, (3275 m s.l.m.) è una montagna dei Monti della Val Bregaglia nelle Alpi Retiche occidentali.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

È la cima più alta e più meridionale del gruppo di Sciora. Sia sul versante est (Albigna) che sul versante ovest (Bondasca) presenta pareti alte e complesse: in particolare la parete ovest, caratterizzata da tre alte fasce verticali o strapiombanti.

Itinerari[modifica | modifica wikitesto]

La prima salita fu compiuta il 14 agosto 1888 da T. Curtius e R. Wiesner con la guida engadinese Christian Klucker, dal versante sud-ovest, per quella che oggi è la via normale dalla capanna Sciora (PD). In primavera, con ottime condizioni, l'itinerario può essere percorso con gli sci fino a poca distanza dalla vetta.

Sulle pareti est e ovest sono stati tracciati numerosi itinerari, più o meno diretti, lunghi e difficili, poco ripetuti.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Aldo Bonacossa, Giovanni Rossi, Masino Bregaglia Disgrazia, Vol. I, Guida dei Monti d'Italia, Milano, Club Alpino Italiano e Touring Club Italiano, 1977
  • Ruedi Bachmann, Bündner Alpen Band 4 - Südliches Bergell-Disgrazia, Bern, Schweizer Alpen Club, 1992.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]