Schiavi di New York

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Schiavi di New York
Titolo originale Slaves of New York
Paese di produzione USA
Anno 1989
Durata 124 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia James Ivory
Soggetto Tama Janowitz
Sceneggiatura Tama Janowitz
Fotografia Tony Pierce-Roberts
Montaggio Katherine Wenning
Musiche Richard Robbins
Scenografia Carol Nast, David Gropman e Karen Schulz
Interpreti e personaggi

Schiavi di New York è un film di James Ivory del 1989.

Nel Duemila, a New York, una città fatiscente e degradata da cumuli di immondizia accatastati per le strade e con le case ridotte a topaie (nessuno esercita più umili mestieri), vive la giovane Eleonor, impacciata correttrice di bozze presso un giornale ed eccentrica creatrice di strampalati cappellini. Convivente di Stash, un pittore nevrotico, Eleonor ha modo di frequentare un camaleontico assortimento di personaggi stravaganti fra cui i pittori Marley e Sherman; lo scrittore Michel Sike; il mercante d'arte Victor Okrent; il bizzarro Ruche, organizzatore di estrose sfilate di moda. Assistendo ad un continuo "gioco delle parti" fra coppie perennemente instabili, che si uniscono senza passioni e si sciolgono senza traumi, Eleonor si stupisce delle gelosie di Stash e ne subisce le nevrosi ma lo abbandona quando ha le prove che le preferisce Daria, convivente di Sherman ed occasionale amante di Marley. Dopo un pittoresco party per festeggiare il successo ottenuto con i suoi cappellini, delusa degli invitati, accetta una frenetica corsa in moto nella notte.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema