Rumiana Jeleva

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rumiana Jeleva

Rumiana Jeleva (Nova Zagora, 18 aprile 1969) è una politica bulgara.

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Jeleva si laureò in sociologia presso l'Università di Bielefeld nel 1995[1]. Studiò presso l'università di Sofia e l'Università libera di Berlino e conseguì un dottorato di ricerca in sociologia presso l'università "Otto von Guericke" di Magdeburgo nel 2003[1].

Carriera politica[modifica | modifica sorgente]

Quando la Bulgaria entrò nell'Unione europea nel 2007, Jeleva venne eletta membro del Parlamento europeo e guidò la delegazione bulgara nel Partito Popolare Europeo. Fece parte della commissione parlamentare per lo sviluppo regionale e della delegazione del Parlamento per le relazioni con i paesi del Mashrek[2]. Venne rieletta alle elezioni europee del 2009 e fu per un breve periodo vicepresidente del gruppo parlamentare del Partito Popolare Europeo e membro della commissione parlamentare per gli affari esteri e della sottocommissione per la sicurezza e la difesa[2].

Ministro degli esteri[modifica | modifica sorgente]

Jeleva era un'esponente di spicco del partito Cittadini per lo Sviluppo Europeo della Bulgaria. Dopo la vittoria alle elezioni politiche bulgare del 2009 Jeleva venne nominata ministro degli affari esteri nel luglio 2009 nell'ambito del governo guidato da Boyko Borisov e si dimise dal Parlamento europeo. Svolse l'incarico di ministro fino al gennaio 2010.

Mancata nomina come commissario europeo[modifica | modifica sorgente]

Nell'autunno 2009 il governo bulgaro indicò Jeleva come commissario Europeo della Bulgaria nell'ambito della Commissione Barroso II allora in via di formazione[3], e José Manuel Barroso le assegnò il portafoglio della cooperazione internazionale, degli aiuti umanitari e della risposta alle crisi.

Jeleva fu costretta a rinunciare alla nomina dopo i gravi limiti emersi durante la sua audizione davanti al Parlamento europeo. Jeleva non riuscì a fare sufficiente chiarezza sui suoi interessi finanziari e sui suoi rapporti con la società di consulenza bulgara Global Consult[4][5]. Jeleva apparve poco preparata nei settori toccati dal suo portafoglio e si mostrò arrogante e poco capace di parlare correntemente lingue straniere. Vennero inoltre sollevate accuse riguardanti i rapporti tra suo marito e la mafia[6].

In seguito alle polemiche e alle critiche sollevate dalla sua audizione, il 19 gennaio 2010 Jeleva annunciò la sua rinuncia al posto di commissario europeo e si dimise anche da ministro degli esteri, ritirandosi dalla carriera politica[5]. Kristalina Georgieva prese il suo posto come commissario europeo e Nikolay Mladenov subentrò a Jeleva come ministro degli esteri della Bulgaria.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) Biografia, Sito personale di Rumiana Jeleva. URL consultato il 18 luglio 2011.
  2. ^ a b Rumiana Jeleva, Parlamento europeo. URL consultato il 18 luglio 2011.
  3. ^ (EN) Barroso II: 13 EPP Commissioners receive key portfolios, Partito Popolare Europeo, 27 novembre 2009. URL consultato il 18 luglio 2011.
  4. ^ (EN) Jennifer Rankin, Jeleva remains Barroso's weakest link, EuropeanVoice, 12 gennaio 2010. URL consultato il 18 luglio 2011.
  5. ^ a b (EN) Bulgaria nominee for EU Commission steps down, BBC News, 19 gennaio 2010. URL consultato il 18 luglio 2011.
  6. ^ (EN) Andrew Rettman, Bulgaria backpedals on Turkey compensation claim, EUObserver, 7 gennaio 2010. URL consultato il 18 luglio 2011.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 1086180