Resega

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Resega
Hc lugano-resega.jpg
Informazioni
Ubicazione Porza
Svizzera Svizzera
Inizio lavori 1992
Inaugurazione 1995
Struttura pista coperta
Copertura totale
Mat. del terreno ghiaccio
Proprietario Città di Lugano
Progetto Studio Arch. Buletti+Fumagalli, Lugano
Studio Ing. Giani e Prada, Lugano
Uso e beneficiari
Hockey su ghiaccio Lugano Lugano
Capienza
Posti a sedere 7 800 (5 000 seduti e 2 800 in piedi)
 

La Resega è una struttura adibita all'hockey su ghiaccio situata nel quartiere di Cornaredo a Lugano, nelle vicinanze di Lugano. È lo stadio di casa dell'Hockey Club Lugano.

La pista attuale è stata inaugurata nel 1995, dopo la demolizione della precedente e tre anni di lavori di costruzione.

Contiene due piste di ghiaccio, la principale delle quali ha una capienza di 7800 posti (5000 a sedere e 2800 in piedi), 9 spogliatoi, una decina di buvettes, un ristorante-pizzeria, due fan-shops, due Vip Lounges e una sala riunioni. Dalla stagione 2007-08 la pista è dotata di una tribuna disabili all'avanguardia e dalla stagione 2009-10 dispone di schermi giganti di ultima generazione.

Stendardo dei titoli e delle maglie ritirate

Nell'attuale Resega, l'HC Lugano ha vinto due titoli di campione svizzero (2003, 2006) e perso due finali (2001, 2004).

Sotto la volta della Resega è appeso lo stendardo celebrativo dei 7 titoli di campione svizzero, delle 4 maglie ritirate e dei 4 titoli di campionesse svizzere del Ladies Team.

L'area in cui sorge la pista della Resega sarà fortemente modificata dall'importante progetto urbanistico del Nuovo Quartiere di Cornaredo, che nel corso dei prossimi anni (2010-2015) cambierà radicalmente il volto di quella zona della città, facendo di essa un'area fieristica e di svago. Inoltre, la zona in questione è direttamente collegata all'autostrada Milano-Zurigo (A2) tramite la Galleria Vedeggio-Cassarate.

La Resega è presente, ricreata in ogni dettaglio, nel famoso videogioco della EA Sports NHL 13 e NHL 14[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Comunicato stampa www.hclugano.ch

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]