Regola della funzione inversa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

In analisi matematica, la regola della funzione inversa è una regola di derivazione che permette di calcolare la derivata della funzione inversa di una funzione derivabile, quando essa esiste, anche senza conoscerne l'equazione.

Definizione[modifica | modifica sorgente]

La derivata della funzione inversa è il reciproco della derivata della funzione calcolata nella controimmagine del punto:

D[f^{-1}(y)]  =  {1 \over f'(x)}

D[f(x)] e f'(x) sono notazioni che indicano il medesimo significato di derivata.

È sufficiente, per l'esistenza della funzione inversa, che la funzione sia strettamente monotona e continua nel suo dominio (questo automaticamente assicura che il denominatore sia non nullo e quindi che l'espressione sia ben definita).

Dimostrazione[modifica | modifica sorgente]

Poniamo y=f(x), y_0=f(x_0) per semplicità. Allora:

D[f^{-1}(y_0)]=\lim_{y \to y_0}{f^{-1}(y)-f^{-1}(y_0) \over y - y_0}=\lim_{x \to x_0}{x - x_0 \over f(x) - f(x_0)} = {1 \over f'(x_0)} = {1 \over f'(f^{-1}(y_0))}.

Esempio[modifica | modifica sorgente]

Sia f(x)=\tan(x), con |x| < {\pi \over 2}. Dunque f^{-1}(y)=\arctan(y) e

D[\arctan(y)]={1 \over D[\tan(x)]}= {1 \over 1 + (\tan x)^2} = {1 \over 1 + y^2}.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

matematica Portale Matematica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di matematica