RBS TV

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
RBS TV
RBS TV Porto Alegre 2009.JPG
Paese Brasile
Lingua Portoghese
Data di lancio 27 dicembre 1962
Editore Grupo RBS
Sito www.rbstv.com.br
Diffusione
Terrestre
Analogico Canale 12 VHF (Porto Alegre)
Canale 12 VHF (Florianópolis)
Digitale Canale 34 UHF (Porto Alegre)
Canale 33 UHF (Florianópolis)
Satellite
Digitale SKY Brasil
Via cavo
Digitale NET

RBS TV è una rete televisiva del Sud del Brasile, e una delle più antiche società affiliate di Rede Globo. Ha iniziato a trasmettere il 27 dicembre 1962 a Porto Alegre e il 1º maggio 1966 a Florianópolis. Fondato e diretto da parte del datore di lavoro Maurício Sirotsky Sobrinho fino alla sua morte, avvenuta il 24 marzo 1986. La società è parte del gruppo RBS.

Le azioni contro l'oligopolio del Grupo RBS[modifica | modifica wikitesto]

Il Gruppo RBS è indagato da Pubblico Ministerio dalla pratica di oligopolio / monopolio. Nel 2008, il procuratore federale di Santa Catarina ha presentato un atto pubblico civile (sentenza n °. 2008.72.00.014043-5) contro la società Rede Brasil Sul (RBS) nel sud del Brasile. Il MPF richiede, tra l'altro, la riduzione del numero delle stazioni della compagnia a Santa Catarina (SC) e Rio Grande do Sul (RS), secondo la legge, e l'annullamento dell'acquisto del giornale A Notícia di Joinville, consumato nel 2006 - che ha portato un monopolio virtuale tra gli giornali rilevanti nello stato di Santa Catarina.[1]

Nel 2009, il procuratore federale a Canoas (RS), Pedro Antonio Roso, ha chiesto al presidente del Gruppo RBS, Nelson Pacheco Sirotsky, tra d'altre informazioni, il numero di TV e radio che la società possiede in Rio Grande do Sul, "così come i suoi affiliati, stazioni e ripetitori". La richiesta fa parte di un procedimento amministrativo proposto da procuratori federali per "determinare il verificarsi di possibile pratiche monopolistiche e di irregolarità nella concessione di Radio e Televisione da il Gruppo RBS a Rio Grande do Sul" http://www[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Carta Maior - Política - MP Federal patrocina inédita ação contra oligopólio midiático
  2. ^ . cartamaior.com.br / templates / materiaMostrar.cfm? materia_id = 16264

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]